venerdì 30 settembre 2011

Domanda...

Senza tirarla troppo per le lunghe, pensavo: ma in questo Paese non c'è più nessuno che sa fare un caffè come si deve?
No, voglio dire: tutto 'sto spreco di democrazia, e discorsi, e paginate di commenti e contro-commenti, tutto per essere sempre al punto di partenza?
Un caffè ben fatto, ed è fatta.
Soluzioni, non preoccupazioni!

Niente, qui si va di camomille e sermoni.
Ovvio che poi passano gli anni e si dorme, si dorme, si dorme...
Si sogna, certo.
Si hanno incubi, naturale.
Ma mica si può passare una vita a dormire senza mettere in conto che si finisce per confondere il sonno con il sogno e lo stato di veglia con il sonnambulismo, vi pare?
Un caffè come si deve, ed è fatta.
Fine degli incubi e fine del sonnambulismo.
Qualcuno vuol provvedere?

19 commenti:

  1. No: e non è "colpa dei cinesi" che, per esempio a Venezia, gestiscono il 50% dei bar (anche a Milano la tendenza è questa). Finalmente qualcuno se ne accorge e lancia l'allarme: io è da tempo che me ne lamento, e come spesso mi capita vengo preso come un brontolone incontentabile. Quando vado a Milano sono rassegnato in partenza alla ciofeca; qui in Friuli c'è una buona tradizione di caffè locali e va un po' meglio, anche se proprio oggi a Udine sono rimasto inorridito dal vedermi propinare una miscela Meinl, austriaca: è la seconda volta in pochi giorni. Non va meglio scendendo la penisola: manco da Napoli da qualche anno, ma a Roma è difficile trovare un caffè decente, e anche la mitica "Tazza d'oro" nei pressi di Montecitorio mi ha lasciato deluso le ultime volte in cui ci sono andato, speranzoso di rifarmi. Mi associo alla protesta, e faccio notare che anche la qualità di un'altra specialità nazionale, la pizza, è scesa a precipizio.

    RispondiElimina
  2. Però qui, diciamo,ecco...non so come dirtelo...
    Pensavo più a un unico caffè, ben fatto.
    Corretto, ovviamente.
    Così che uno basti per sempre.
    Anche non necessariamente servito in un posto triste come Voghera.
    Va bene ovunque, ma che sia ben fatto, corretto in modo classico, ecco...

    RispondiElimina
  3. Marco 2
    Anche se capisco che sì, un caffè decente, a parte quello di Voghera, è quasi impossibile da trovare quanto una pizza decente...
    Fuori.
    In casa si beve un caffè da favola e le pizze mi vengono da dio.

    RispondiElimina
  4. Com'è che ti è venuta Voghera? Suggestione arbasiniana?

    RispondiElimina
  5. Marco

    Ehmmm...
    No.
    Voghera, più che una suggestione, è una traccia.
    Per cosa?
    Ma per risolvere il Quesito della Susy!
    Forse era meglio se facevo il giochetto con i puntini da unire.
    Capisco di essere troppo criptica a volte.
    Ti do una terza traccia: banchiere
    Hai ora le 3 parole chiave.
    Concorderai con me che un caffè ben fatto è la Soluzione!

    RispondiElimina
  6. Ci siamo: non avevo capito che era un "quiz-della Ross". E' che ti si prende troppo sul serio!

    RispondiElimina
  7. Marco:
    E si fa bene, a prendermi sul serio.
    C'è cosa più seria di una soluzione definitiva a domande con cui ci trastulliamo da così tanto tempo?
    Già si affacciano altre domande, a mio avviso decisamente più criptiche di quelle che pone la Ross/Susy.
    Bisognerà ben sgombrare il campo mentale da quelle vecchie, per affrontarle seriamente e prima possibile.
    No?

    RispondiElimina
  8. Ciao,
    Parlare di caffè a me che ho ancora i polmoni pieni di smog di Londra è proprio una bella accoglienza! Grazie, mi offri una spalla su cui consolarmi per gli schifosissimi "espresso" e i sorrisetti falsi più che mai e gli sguardi ammiccanti di tutti i camerieri che ormai ci considerano tutti amici e compari del nostro Mr B, e addirittura sentirsi alle spalle, dopo essere stati trattati da bestie, che una volta era così rispettosa e cordiale, "Ah, THE ITALIANS!!"
    Leggerti è stato ritornare ad essere me stessa, non esagero, credimi. Mi hai ricordato il monologo di E. De Filippo sul caffè, col rito di chi si ama ed ama la sua terra, col famoso "cupptiell" per conservare l'aroma, cioè il profumo di casa sua.
    E' POSSIBILE CHE NESSUNO PIU' VENGA STIMOLATO ALLA RIFLESSIONE SENSATA SU CHI SIAMO (meglio siamo stati) E DOVE STIAMO ANDANDO?
    Certo, la nostra consapevolezza della situazione serve forse a ben poco, ma un buon caffè italiano, anzi un doppio caffe espresso (not double espresso, please), servito ogni cinque minuti a chi di dovere, potrebbe essere un'ottima terapia da suggerire.
    Un abbraccio e felicissima di averti ritrovata!
    Enjoy your sunny We
    Cle

    RispondiElimina
  9. Cle:
    un doppio caffe espresso (not double espresso, please), servito ogni cinque minuti a chi di dovere, potrebbe essere un'ottima terapia da suggerire.
    Ehmmm...Sì, concordo.
    C'è uno, ad esempio, che ha tempi di reazione così sonnambuleschi che solo ieri ha capito cosa i Ministri della Lega hanno detto pubblicamente - a Venezia - dieci giorni fa.
    Mi sa che sottoporlo a una cura intensiva di caffè potrebbe essere utile, in effetti.
    Ma non risolutivo.
    Bentornata!
    Leggendo te, invece, pensavo all'unico caffè espresso decente che non bevo da troppo tempo a Piccadilly.
    Troppo...
    Chissà se è sopravvissuto mantenendo la qualità del caffè.
    Però, la mia provocazione era più su un caffè che una volta bevuto, non hai più bisogno di berne altri.
    Nè di bere altro, a dire il vero.
    Nemmeno di mangiare altro.
    E lo smog di Lonra non ferisce più le narici: puoi dire (dopo) di essere pronto a tutto.
    Visto che niente ti ferisce più.
    Pensa a Voghera, a un banchiere e a un caffè.
    Se cerchi su google trovi la soluzione delle soluzioni.
    Al problema su cui sprechiamo parole da troppi anni...

    RispondiElimina
  10. Io sto giusto prendendo un caffè col tenero Giacomo..........

    RispondiElimina
  11. A proposito, il tenero Giacomo mi dice che per dimostrare l'inesistenza di un fantomatico popolo padano, non importava scomodare Nap. Era sufficiente Cartesio.

    RispondiElimina
  12. Piccadilly Circus è rimasta forse la stessa, bar e statua di Eros compresa. Quello che mi ha stravolto e fatto letteralmente male al cuore è Trafalgar Square. La National Gallery ha perduto la sua maestosa gradinata, si dice per abolire le barriere architettoniche, hanno elevato il livello stradale appiattendo il tutto rendendolo irriconoscibile. Però troneggia un ascensore in una struttura di vetro (sicuramente per i disabili) per i bagni sotterranei che incuriosisce chi ha preso le scale dopo essere già andato al bagno. L'ammiraglio Nelson è stato limitato a pochi avendo uno spaziolimitato, non ci sono i piccioni con i turisti di tutto il mondo...
    Questo, però, merita altro contesto.
    A proposito di caffè, ma da qualche parte ho sentito che viene usato non per svegliare o rendere più attivi, ma per chiudere un occhio o addormentarsi del tutto.
    BUON OTTOBRE E BUONA SETTIMANA|
    Cle

    RispondiElimina
  13. Massimo:
    Perdinci!
    Questo è chiedere troppo a un leghista.
    Possibile che il tenero Giacomo non ricordi che i miti fondativi della Lega sono tratti direttamente dai cartoni animati o, al top delle prestazioni intellettuali, dalla leggenda?
    Cartesio non ha prodotto nemmeno un videogioco, chi sarà mai per dar lezioni di padania ai padani?

    Cle
    A proposito di caffè, ma da qualche parte ho sentito che viene usato non per svegliare o rendere più attivi, ma per chiudere un occhio o addormentarsi del tutto.

    Hai ragione: il rimedio omeopatico alla sovraeccitazione nervosa e all'insonnia, è Coffea Tosta .
    Peccato non faccia che allontanare, aggravando invece la patologia, la soluzione sollecitata con la domanda del post: un caffè unico e ultimo, cioè letale.

    RispondiElimina
  14. Allora, facciamo cosi', uniamo i sentimenti ed i commenti: un caffe tipo Sindona, da bersi a Londra vicino al Blackfriars Bridge.

    [di Cartesio, al massimo i leghisti possono o guardare le figure o condividere la frase sulla inutilità dei libri...]

    RispondiElimina
  15. Massimo:

    Deduco che il tenero Giacomo abbia contribuito alla formulazione della geniale e subitanea proposta, che non posso che sottoscrivere.
    Oso aggiungere l'obbligo di una birra conclusiva con Andy Capp, se mi consenti ...

    RispondiElimina
  16. Non senza invitare per un paio di pints of bitter anche Tommy Wack.

    RispondiElimina
  17. Marco:

    No,dico: nessuno che sappia fare un caffè (corretto) decente, ma una pinta fa subito proseliti...
    Siete una banda di scansafatiche!...

    RispondiElimina
  18. Homer Simpson8:37 PM CEST

    Two beer or not two beer: that is the passion.

    RispondiElimina
  19. HomerSimpson:

    Even three beers, but a definitive coffee!

    RispondiElimina