venerdì 9 dicembre 2011

Interconnessioni

[...] Le particelle subatomiche, quindi, non sono “cose” ma interconnessioni fra “cose”; e queste “cose”, a loro volta, sono interconnessioni fra altre “cose”, e così via.

Nella teoria quantistica non si trovano mai “cose”, ma si ha sempre a che fare con interconnessioni.

Ecco in che modo la fisica moderna rivela la fondamentale unità dell’universo.

Essa dimostra che non possiamo scomporre il mondo in unità minime esistenti indipendentemente.[…]

Le evidenti somiglianze fra la struttura della materia e la struttura della mente non dovrebbero sorprenderci troppo, giacché la coscienza umana svolge un ruolo determinante nel processo di osservazione, e nella fisica atomica determina in grande misura le proprietà dei fenomeni osservati. […]

Nella fisica atomica la netta divisione cartesiana fra spirito e materia, fra osservatore e osservato, non può più essere mantenuta.

Noi non possiamo parlare della natura senza parlare al contempo di noi stessi. 

Trascendendo la divisione cartesiana, la fisica moderna non solo ha invalidato l’ideale classico di una descrizione obiettiva della natura ma ha anche contestato il mito di una scienza libera da valori.
I modelli che gli scienziati osservano in natura sono intimamente connessi con i modelli della loro mente; con i loro concetti, pensieri, valori.[…]

Gli scienziati sono perciò responsabili delle loro ricerche non solo intellettualmente, ma anche moralmente.
Questa responsabilità è diventata un problema importante in molte fra le scienze di oggi, ma specialmente in fisica, in cui i risultati della meccanica quantistica e della teoria della relatività hanno dischiuso ai fisici due vie molto diverse da seguire.

Esse possono condurci – per esprimerci in termini estremi – al Buddha o alla Bomba, e sta a ciascuno di noi decidere quale via prendere.[...]

Da Fritjof  Capra – Il punto di svolta – pag. 74-75 – Ed. UE Feltrinelli -
----------------------------------------------------------------------------------
Non credo serva pensare o dire altro: tutto è lì a dimostrare che siamo tutti interconnessi.

Nessun commento:

Posta un commento