venerdì 6 luglio 2012

Uhmmmshhtttnnd!

Potrò mica andare avanti a sillabare HU! e HO!: dovrò pur dire qualcosa articolandolo in una frase di senso compiuto, prima o poi.
Magari anche no.

C'è forse qualcosa da dire di più significativo di un HU! o di un HO! o del chiedere "chi è caddo" di infanta treenne?


Niente. 
Non mi esce una parola che sia una.


O meglio: ogni tanto mi escono espressioni tipo ggrrrcccahhhnzt e uhmmmshhtttnnd, ma niente di comprensibile.

Sarà che l'aria è satura di veleni, bugie, tradimenti, doppie verità e prese per il culo che o si inizia a menar le mani, o si risparmiano le forze e si sta zitti.

Visto il caldo, meglio dedicarsi all'ossigenazione del fegato con qualche HO! e qualche HU! ben calibrato.

Proprio facendo un'eccezione, far onore alla logica priva di dotti paraculismi di una treenne che, se il caldo (caddo) non si vede, non c'è.

E se c'è, lo sente, ma non sta a perderci tempo. 

Lei continua a correre avanti e indietro con il suo triciclo di plastica indistruttibile, consapevole solo del suo piacere di viaggiare a tutta velocità in un rettangolo di mondo di 2 metri per 4.

Tutto per lei.

Ecco: un triciclo, e ti salvi.

Pedali e no spread, no crisi, no Monti, no bugie, no doppie verità, no paraculismi, no niente di niente.

Nemmno una scia chimica sopra la testa.

C'è libertà più grande?

2 commenti:

  1. Basterebbe -forse- esplorare con curiosità ogni 2m x4,senza sentirsi i padroni dell'universo e tuttavia già frustrati di non essere gli unici detentori di potere nel nostro piccolo mondo...
    Ci aspetterebbero -sempre forse- scoperte inaspettate. Anche senza triciclo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì.
      La cosa difficile, ma davvero difficile, è riuscire a ridiventare "esploratori" avendo prima cura di sgombrare la mente dalle quintalate di fuffa accumulata con l'illusione che sia questa, a fare di noi degli adulti che hanno imparato il senso del mondo.
      Guardare i bambini è in questo senso molto istruttivo: vivono e basta. Sono totalmente zen.
      Scoprono e fanno cose per il piacere di farlo e senza volerci trovare anche un senso.
      Poi iniziano ad andare a scuola, e il vuoto zen va a farsi benedire...

      Elimina