giovedì 10 febbraio 2011


Pare che lo zio di Ruby stia per dimettersi.
Pensa 'sta povera ragazza: costretta alla fuga dalla propria ambizione, finisce a prostituirsi per uno che la scambia per la nipote di un capo di stato ora costretto a scappare. Ma si può essere più sfigati?
Sarebbe corretto che ora, chi gli ha attribuito uno zio sfigato, l'adottasse come figlia dell'anima, se ha davvero a cuore  il destino delle persone più sfortunate.
Invece che cinque milioni, darle quella parentela con un potente che sinceramente lui credeva.
Sarei disposta a perdonarlo un'ultima volta, a questa condizione: adotta Ruby e le garantisce il diritto a una parte dell'eredità a patto che studi e si occupi nel tempo libero della qualità della vita di tutti gli extracomunitari in Italia.
Poi lui può prendere lo stesso volo dello zio e ritirarsi entrambi ad Antigua.
Qualcosa mi dice che l'ipotesi gli farebbe ammettere sotto giuramento che ha sempre saputo che non era la nipote di Mubarak. 
Mica lui, eh? Pensa i figli, costretti a dividere con la zoccola il malloppo.
Lo farebbero rinsavire previa minaccia di rinchiuderlo per incapacità di intendere e volere.
Sarebbe una bella botta di giustizia e verità insieme.
E sarebbe bellissimo.

5 commenti:

  1. Applausi! Se l'influenza ti fa questi effetti, lascia perdere gli antibiotici e continua così!(Rossana cravo e canela? cfr http://www.youtube.com/watch?v=mpAA7myIgv8)

    RispondiElimina
  2. Dovete sapere che il nostro impagabile premier, tempo fà era afflitto dal fatto che gli avevano tolto la prostata e dall'impotenza assoluta che ciò provocava. Allora si è rivolto a non so quale luminare dell'andrologia che gli ha installato, nel pisello, un cilindretto gonfiabile (con soluzione fisiologica) tramite una apposita pompetta sistemata nello scroto. La pompetta, a quanto pare, si aziona manualmente e garantisce un fac-simile di erezione molto persistente, consentendo così quelle performances di cui si favoleggia e di cui racconta qualche stupefatta escort. Non per niente, Dagospia chiama il Nostro "il Cavalier Pompetta". Ora, questo sofisticato intervento dev'essergli costato un occhio della testa e, benchè straricco, B. è uno che vuole comunque far fruttare ed ammortizzare quello che spende. E dunque, si è dato alla frenetica attività di bunga - bunga (a quanto pare, con Ruby si è cimentato persino nel sesso anale, così per collaudare la resistenza meccanica del marchingegno). Io spero che, qualora lo condannassero, lo sistemino in un carcere femminile.

    RispondiElimina
  3. Marco:
    dev'essere stato proprio l'effetto di cravo e canela, più che della febbre. Mi sa che insisto (ma quanto era bella Sonia Braga?)

    Massimo:
    Ehmm....magari avessimo leggi che consentono soluzioni così semplici ed efficaci. Troppa democrazia ha rovinato questo paese...pensa che oggi perfino lui si deve sottoporre a un processo. Sarà o no un attentato di lesa maestà?

    Francesco:
    ma in un carcere femminile, con la pompetta o senza?
    Mica conoscevo questi particolari, pensavo si trattasse di eccesso di viagra e infatti speravo in una pastiglia di troppo.
    Ma quante robe che non so...
    5 million gli deve sganciare ora alla piccola, se vuole che taccia.
    Fossi in lei alzerei di 1 milione al giorno fino a sentenza, giusto per ricordargli che non sarà nipote di Mubarak ma due conti se li sa fare. Per lui, farsi prendere per il culo da un'extracomunitaria, non ha prezzo...

    RispondiElimina
  4. Se vuoi approfondire, eccoti un link (che poi è quello a cui rimanda il sito Dagospia, al quale si deve la "scoperta"):
    http://www.medicitalia.it/minforma/Andrologia/674/La-protesi-peniena-una-soluzione-anche-ai-casi-piu-gravi-di-difficolta-di-erezione

    RispondiElimina