mercoledì 31 agosto 2011

Ci sono i blog, per fortuna...

Se il delirio quotidiano sulla manovra vi getta in uno stato di depressione impotente, e dei quotidiani leggete solo i titoli per evitare l'overdose di cronache sull'imbecillità, ho questo consiglio di lettura da proporvi.

Leggere le belle storie che scrive l'autore di questo blog, ha il potere di riconciliarmi con la giornata.

Spero faccia anche a voi lo stesso benefico effetto.

Insomma, se la politica somiglia ormai a un'infinito Sliding doors - ma senza Gwyneth Paltrow - leggere i blog invece dei quotidiani, aiuta a passare 'a nuttata.

Che qui, di luce del giorno, non se ne vede.

5 commenti:

  1. Grazie, Ross. Qui occorre davvero qualcosa: ieri pomeriggio mi è toccato curare il mio medico, uno che è entrato in ospedale dopo la laurea, la specializzazione e tre anni come ufficiale medico in Marina, tutti riscattati dietro un pizzo con cui ci si sarebbe comprato un monolocale in centro.
    Ben vengano letture intelligenti ed interessanti, chè a me null importa di sapere quali biscotti mangia Federica Pellegrini nel suo tempo libero o se zio Michele non trova aiutanti per vendemmiare.

    RispondiElimina
  2. Ciao Ross,
    Ringraziarti per il tuo consiglio non basta! E'come una carezza. Anch'io ho conosciuto gente come il protagonista del racconto: ti offrono con la loro lineare coerenza e semplicità la chiave di lettura della esistenza umana.
    Sto per programmare un viaggio a Lille, pochi giorni per incontrare il mio nipote preferito che dopo tante peripezie da pochi giorni è lì, chisà se ritrovo una Francia come quella che descrive il sensibilissimo amico, diversa da quella che conosco io.
    Buona estate, e...segui il consiglio che ci dai:fresche letture con argometi umani e schietti che ti fanno sentire la libertà a fior di pelle.

    RispondiElimina
  3. Massimo:

    Giunti a questo punto, la cosa di cui abbiamo tutti assoluta necessità, è ritrovare il senso.
    Nelle cose che facciamo, nelle parole che diciamo scriviamo o leggiamo, nei sogni e fra le persone.
    Il senso di Federica Pellegrini è che è, indiscutibilmente, una bravissima nuotatrice.
    Il suo non-senso, il cedere alle lusinghe della vanità in cambio di due euro in più che, se certo male non fanno, la rendono banale quando può essere, se solo vuole, eccezionale.
    In questo, Michele conserva una sua personale dimensione di senso: messo com'è, il suo pensare alle viti e alla vendemmia, lo conserva umano proprio mentre è guardato come fosse un mostro.

    Cle:

    Ringraziamo il blogger linkato che ci racconta delle storie così belle e vere: è lui a offrire anche a me quella semplicità che è "chiave dell'esistenza umana".
    Credo che, in ogni caso, la Francia di Lille, in settembre sarà all'altezza delle tue aspettative.
    Poi, un abbraccio a chi vuoi bene, vale di per sè, no?
    Ecco, devo fare maggior attenzione a ciò che leggo, in effetti: non c'è giorno in cui non sia tentata da quella monotona e lesiva curiosità che mi fa rincorrere notizie che distruggono in me ogni senso.
    Poi, per fortuna, arriva la sera e ritrovo a fianco al letto la Baghavad-Gita che mi rimette in pace con il mondo e il senso di libertà.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Ross, mi sono spiegato male. Non ce l'ho assolutamente con Federica (anche se ci sarebbe tanto da ridire su come i media l'abbiano marchiata con la lettera scarlatta per le sue scelte d'amore: evidentemente essere donna, giovane, bella e brava in certi ambienti è un'infamia...) o con quell'altro disgraziato: volevo solo dire che se devo portare a casa un pacco di giornali in cui le vicende di questi personaggi occupano invano un tot di pagine ed assorbirmi un tot di tempo, allora preferisco di gran lunga tuffarmi nelle letture come quella che tu hai segnalato.Che ti arricchiscono lo spirito mai sazio: cosa che contrasta con certe letture che invece provocano nausea......

    RispondiElimina
  5. Massimo:

    non seguendo la cronaca sono caduta in confusione, su Federica e Michele.
    Che poi, alla fine, rispetto a Politici&Politica, la telenovela infinita che imita Beatiful dove si sposano ome Brooke con Ridge ma poi divorziano da Ridge per sposare Eric ma poi Eric si innamora di nuovo di Stephanie e Brooke è di nuovo incinta ma non si sa chi sia il padre perché nel giro di 50 puntate si è già sposata un paio di volte tutto il cast maschile rimanendo però assolutamente casta e innamorata di Ridge, beh...Federica e Michele li trovo rasserenanti e mi riconciliano con questo paese saldamente in mano a una manica di colpevoli idioti che sembrano giocare a briscola ubriachi...

    Meglio andar per blog: ne scopri sempre qualcuno che ti diventa indispensabile per le belle storie che racconta o per la cura con cui ti da un'informazione che non trovi da nessun'altra parte.

    RispondiElimina