venerdì 18 aprile 2014

Buona livella a tutti!

L'avvicinarsi del 25 aprile, con l'atteso seguito di requiem sulla Resistenza che fu e mai più sarà (tranne decidersi una buona volta a non più rispettar leggi indecenti che ci rendono complici del cappio che già strozza qualcuno oggi e ne strozzerà di più domani), mi va di giocare d'anticipo ricordando a me stessa (e a chi lo voglia) che sopra ogni cosa, sopra a tutto e tutti, sta la giustiziera che non fa sconti di pena né concede tre gradi di giudizio prima di eseguir sentenza.
Certa che nulla ci sia più possibile (tranne forse una seria e universale resistenza passiva che fermi l'indecenza), auguro a tutti più che una Buona Pasqua di Resurrezione, un lungo week-end di Riflessione e Meditazione sull'assoluta imparzialità della falciatrice contro la quale davvero, There Is Not Alternative.
Per tutto il resto, oggi come oggi, auguro a chiunque di trovare nell'uovo di cioccolato una Master Card Oro con credito illimitato. 
Senza, è garantito che prima o poi 'a livella sembrerà a chiunque molto più clemente di T.I.N.A.
'A livella
Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura
;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!..
.

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...

...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,  stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!". 
P.S. L'uomo che dimentichi che sono nascita e morte i suoi confini è un uomo marcito dentro.
Dove scompare la consapevolezza dei limiti dell'esistenza, scompare la giustizia. 
Solo il rispetto dei limiti scritti nella vita è misura di ciò che è giusto.
Ma io vedo (e leggo) di uomini che rubano e son graziati. 
Di uomini che legiferano sull'esistenza altrui fino a decretare giusta la morte per fame e freddo di altri uomini pur di salvare un capitale astratto che si nutre però di morti veri.
Sento (e leggo) di pance piene che dettano sacrifici alle pance vuote.
Di assetati cacciati dalle fonti perché la sete di guadagni sull'acqua viene prima della sete umana.
Di chi da anni paga case strapagate è sbattuto in strada per salvare il profitto di chi ha cento case, tutte chiuse.
Di chi guadagna tanto da non poperli spendere in una vita imporre a chi non ha nulla di vivere con meno di niente, ringraziando pure quella mano astiosa e il piede fetente sul culo innocente.
Non vi può essere pace dove non vi è giustizia.
Non vi può essere giustizia dove la misura non è il limite dell'esistenza ma il montante del capitale investito.
Dio è morto.
Il Potere del Dio denaro è divenuto misura di un'Immortalità illusoria senza Giustizia e perciò senza Pace.
Solo nella consapevolezza che la misura della vita e della giustizia sono nascita e morte, è possibile un'autentica Resurrezione. 
Non uccidete l'Agnello.

3 commenti:

  1. L'Agnello è già morto e si offre continuamente al posto nostro, di noi Barabba più o meno volontari, e anche al pasto nostro, in sordina rammentandoci che stiamo nutrendoci delle nostre stesse membra, rigenerandoci come alberi che dalla macerazione delle foglie perdute, scartate -- cioè dal proprio peggio o superfluo, per quanto inutile e/o tossico sia -- ricavano humus fecondo e nuova linfa vitale; punta a tramutarci in vegetariani talebani, insomma.
    Però a me quest'anno il Cirami-tour di certi personaggi m'ha ispirato un'irresistibile passione per il coniglio in casseruola con polenta, a cui ho finito col cedere: mai dire mais... Domani l'intrepido roditore salterà in padella, lasciando ai fratellini sdentati e appena sgusciati fuori dal buio, il tempo di godersi più di una pasquetta con pic-nic campestri e scorrazzate al sole.
    Abbi pazienza, di ammannire alla famiglia una Pasqua con tofu e formaggino non me la sono sentita proprio.
    Auguroni di nuovo: particolarmente calorosi e fervidi quelli riguardo alla master-card a sorpresa (anche qui, mai dire mais).
    Con affetto, marilù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il coniglio in casseruola con la polenta sarà ormai digerito, immagino, che immolato a Pasqua per il 1° Maggio si dovrà esser pronti e leggeri per il Grande Concertone in Piazza.
      Però prima, cara lei, ci aspetta ancora il 25 Aprile. E lì la voglio vedere ai brontolii di pancia quando si troverà a ingoiare predicuzze e corone col nastro tricolore!
      Ma quale tofu? Ma quale formaggino? Opporre talebana Resistenza ai formaggini occorre!
      Su una cosa concordo: mai dire mais...

      Elimina
    2. Digerito sì, grazie, e anche l'aurea polenta con esso.
      Ritorna sempre su, invece, l'analfabetismo detto per l'appunto di ritorno, con cui il doppio dativo "a me" e "m'ha ispirato" continua ad annodare i suoi ingombranti andirivieni da anacoluto-anaconda nei miei tardi pensieri e tardivi ripensamenti. Mi sa che, alla fine, i piatti tipici della Guinea-Bissau me li sono cotti e serviti da me medesima, con l'aggravante della contumacia. Di Dell'Utri; sempre sua, quella.
      Predicuzze e corone tricolori? Non mi spaventano. Anche perché domani -- oggi -- è San Marco. Perciò auguri a lei -- e non esageri col bucintoro al forno, che poi al P.S. ai raggi X rischiano di scambiarlo per una scavatrice truccata da Colombina. E se chiamano la S.I.A.E., è perduta.
      All'oro! Almeno quello dei sogni.
      Con immutato affetto e nessun affettato (giuro!), marilù

      Elimina