sabato 15 giugno 2013

Con la disobbediente Adele Gambaro

3 mesi e mezzo (circa) sono passati dalle elezioni e del lavoro del M5S in Parlamento nessuno sa più o meno niente.
Colpa del M5S?
Sì, ovviamente, ma non solo loro.
In questi mesi hanno tenuto banco le inutili discussioni sulle dichiarazioni di Grillo che, per come la vedo io, ha smesso di essere il portavoce del M5S per diventare il loro peggior fustigatore.
Anziché farsi infatti megafono di ciò che i parlamentari 5S fanno quotidianamente, anziché far conoscere le molte interpellanze o i lavori delle commissioni da questi presentate o gli interventi in aula su temi quali (cito a caso), quello sulla SEN (Strategia Energetica Nazionale), quello sul TAV , quello sull'intreccio d'interessi fra politica e gioco d'azzardo, sul signoraggio bancario, etc (su youtube/lacosa si trovano moltissimi video relativi al lavoro del M5S in Parlamento), Grillo ha tenuto alta l'attenzione su di sé più per le bacchettate agli eletti intemperanti, che per far conoscere le loro attività.
E' dal giorno dopo le elezioni che auspico un po' di sano anarchico caos pensante nel M5S.
Liberarsi del padre, osare sfidarlo fino a detronizzarlo, è quasi sempre l'unico modo di costruirsi una nuova vita che non poggi sull'ego insostenibile di un vecchio consumato capo branco.
Le regole scritte dai padri e coercitivamente fatte sottoscrivere a impegno preventivo ai figli, così da tenerli costantemente sotto ricatto paterno, c'è un giorno in cui è necessario stracciarle.
E lascerei perdere le scemenze su Gandhi ispiratore prima di averlo studiato a fondo.

Un grande capo è colui che consente errori a chi lo segue, che spinge alla disobbedienza per mettersi alla prova con la realtà che è in divenire non con il passato fisso e finito, sapendo che è solo dagli errori e dall'esperienza personale che si imparano grandi lezioni.
I maestri invece, quelli che bacchettano gli allievi ad ogni macchia d'inchiostro, ottengono alla fine tanti bravi alunni ordinati, mai futuri leaders.
Auguro alla disobbediente Adele Gambaro il sostegno di tutti i liberi pensatori che ancora sopravvivono nel M5S.
Gli altri, restino pure attaccati alla mammella delle stronzate sui regolamenti e sulla coerenza.

Nessun commento:

Posta un commento