mercoledì 1 luglio 2015

Stoccolma

Con Sindrome di Stoccolma si intende uno stato psicologico particolare che si manifesta in seguito ad un episodio traumatico, ad esempio episodi di violenza fisica o verbale. Il soggetto affetto dalla Sindrome di Stoccolma, durante i maltrattamenti subiti, prova un sentimento positivo nei confronti del proprio aggressore, che si può spingere fino all'amore, facendo sì che si crei una sorta di alleanza e solidarietà tra la vittima e l'aggressore. (cit. Wikipedia)

La sindrome di Stoccolma è la prima cosa cui ho pensato leggendo stamattina del crowdfunding lanciato da un ragazzo inglese (?) per ripagare la tranche da 1, 6 mld che la Grecia deve al FMI.

L'iniziativa puzza di azione distorsiva lontano un miglio e temo il suo vero scopo sia tenere attivo il dispositivo di ricatto, per ora sfuggito di mano alla troika, per passarlo nelle stupide mani dei cittadini europei in funzione anti referendum e comunque pro Sì.
E' talmente in linea con la sindrome stoccolmiana da avere già raccolto una discreta cifra in poche ore ed è perversa perché si presenta con tutti i crismi dell'atto di soccorso al bisognoso, quella stessa che consente a onlus ateocattosinistre di campare alla grande sulle disgrazie altrui sfornando campagne via sms da 2€ basta presentare all'utile idiota la foto di un innocente bel bimbo affamato e con la pancia gonfia (meno successo avrebbe la foto di un bambino biondo e sorridente, anche se altrettanto affamato e con la pancia concava).

La cifra è sempre irrisoria, così che il servo affetto dall'infida  sindrome sia pronto a liberarsi subito da ogni riflessione, se ancora la coscienza gliene ponesse una, e quei 3€ (o 2 o 5) sono alla fine sempre e solo la misura del successo del boia che lo sta mazziando non meno del bimbo africano o del povero popolo greco.

Qualcuno lo dice ai servi stoccolmizzati che elemosinano caffè non richiesti, che le catene bisogna decidersi a spezzarle, non contribuire a lubrificarle così che il boia lavori più efficacemente? 

P.S. 
Poi una cosa mi chiedo: ma è così difficile realizzare che prima ancora dei 3€ gratis et amore dei, ogni cittadino dell'Unione Europea sgancia già fior di euri pro UE sotto forma di tasse e riduzione dei propri diritti ogni giorno che dio manda in terra, e che "salvare la Grecia" con i crowdfunding è come regalare ancora altri soldi esattamente a quelli cui già li sborsano ogni giorno da schiavi delle logiche della troika che vince sempre anche senza crowdfunding imbecilli?

1 commento:

  1. Se non fosse implacabilmente operativa la "Legge della prevalenza del cretino" (® Fruttero&Lucentini,in applicazione della "Legge fondamentale della stupidità umana" di Carlo M. Cipolla) non saremmo messi come siamo.

    RispondiElimina