venerdì 24 giugno 2016

#iVotedleave #EUReferendum

Mentre godiamo per conto terzi per il Brexit al 52% con il #iVotedLeave, è amarissimo ricordare che:

1. L'italia non può indire referendum popolari su trattati internazionali

2. che il nostro conducator Matteo Renzi ci sodomizza di prima mattina rassicurandoci con la vasellina che la Ue «Dobbiamo cambiarla per renderla più umana e più giusta. Ma l’Europa è la nostra casa e il nostro futuro»  

3. che essendo l'Italia un paese di sudditi per default, anche senza l'Ue e grazie alla Nato, ancora attendiamo l'attuazione del risultato del Referendum sull'Acqua Pubblica del 2011, quindi c'é poco da esultare per i referendum altrui

4. che lo siamo al punto, sudditi, da esserci subiti quasi in silenzio un Presidente della Repubblica da impeachement e ci difetta la pratica della democrazia al punto di aver perfino tifato un Monti imposto contro un Berlusconi votato, poi un veloce ed etereo Letta, subito silurato perché poco pugnace, e l'attuale governo Renzi. Tutti servi messi lì per derubricare i nostri diritti, e a cambiare la Costituzione più bella del mondo, pur senza essere mai stati eletti da nessuno 

5. che per consolarci dell'amaro risveglio, mentre godiamo per una Francia operaia che combatte contro Loi Travail, mentre Le Pen già preannuncia un uguale referendum per una Franexit ('?) e l'Olanda pure, possiamo al più giocarci l'ambata 52-48 su ruota e su tutte, data la strana ricorrenza dell'abbinata, data già ieri a chiusura seggi uguale ma capovolta, cosa che va presa come una sfida della Dea Bendata da cogliere al volo.

Per consolarci ancora, sarebbe bello, per il sadico piacere della verità, che qualche comico giornalista che stanotte ci straziava le palle con le considerazioni a capocchia di Monti, confezionate come se il dato 52-48 per Remain di YouGov fosse il dato delle urne, mandasse in loop ogni 5' e per tutte le prossime 24 ore, le boiate notturne dette da lui e loro con la prona sicumera dell'idiota verso un mero wishful thinking

Mi chiedo: tenuto conto dei ponti d'oro stesi all'immigrazione da sud vs nord, posso emigrare in Inghilterra e lì chiedere asilo politico?

Mi sfiora la perversa idea che come rifugiata nei centri di accoglienza di Sua Maestà, potrei avere un tenore di vita perfino migliore di quello che mi consente questo paese da Jobs Act con la prospettiva Fornero.

Buona giornata, gente. 
E ricordate che forse (è dura, ma mai quanto lo è oggi), stavamo meglio perfino sotto i Borbone e i Savoia.

24 commenti:

  1. A quando la Venexit? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quel che si mormora, pare avremo il quesito referendario sull'autonomia del Veneto a ottobre

      Elimina
    2. Dovrò perdere la "verginità" per la Venexit, avendo la tessera elettorale intonsa.

      Elimina
    3. Meglio aspettare di capire quali sono programmi e obiettivi di questa Venexit, prima di mollar giù una verginità ben conservata...

      Elimina
  2. L'Europa (bank) è un'organizzazione palesemente disumana. Nel senso letterale del termine.
    I nostri governanti, cioè guardiani, sono i loro più fedeli servi.
    La classe dirigente e in larga parte composta da un manipolo di criminali ed aguzzini.
    Tutti i punti di riferimento della società non sono umani.

    RispondiElimina
  3. Ci sodomizza di prima mattina... A leggerti ci si sorprende esser tu una donna... Ribadisco il piacere nel leggerti... ex Gtx1965

    RispondiElimina
  4. C'è stata una propaganda prima e dopo veramente disgustosa, trovandomi per lavoro in Francia e poi in Italia, ne ho sentite di tutti i colori e di tutte le salse, stessa propaganda ovunque.
    Speriamo succeda qualcosa a questo punto, ma non qualcosa di spiacevole, qui siamo già alla frutta...

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disgustosa, concordo.
      Mai è stata spudorata come in questa occasione: si è sentito tutto e il contrario di tutto, prima durante e dopo.
      Patetica soprattutto la sarabanda dei giornalisti tv, i quali a ridosso della chiusura urna (2 minuti dopo, la chiusura urnae!) già blateravano dando per acuisito il dato di un exit poll, cioè un dato basato sulle intenzioni di voto rilevate da un sondaggio. Solo dopo almeno 3/4 d'ora (forse qualcuno ha fatto loro notare che nemmeno erano ancora state portate le schede al centro di raccolta per lo smistamente e la conta), qualcuno ha iniziato a dire, con poca convinzione, che il dato su cui sragionavano poteva essere fuorviante rispetto al dato reale che nessuno poteva ancora sapere.
      Penosi, mai come in questa occasione si è potuto toccare con mano quanto poco gliene importi dei fatti: basta ciarlare, dire qualunque cosa, riempire lo schermo e stordire la gente senza curarsi affatto di ciò che propinano.
      E ce ne fosse uno che ha avuto il pudore di scusarsi delle fesserie dette...
      Disgustoso, davvero...

      Elimina
  5. Sono dell'avviso che mai il Veneto potrà realizzare qualsiasi uscita od autonomia di sorta ma ritengo giusto contarci come sostiene Zaia.
    Se fossimo il 90% vorrei vedere Roma che fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zaia, che apprezzo per alcuni aspetti e meno per altri (ma nobody is perfect!), sa bene che il Veneto è ben lontano da un 90% di favorevoli all'autonomia (qualunque cosa voglia dire). Per la conta bastano e avanzano le cnte elettorali, dove il Pd continua nonostante tutto a fare numeri.
      Poi, altra cosa su cui vale la pena di riflettere, è la ormai tediosa questione del più volte fatto referendum per la divisione fra Venezia città e Mestre. Anche questo con buone probabilità di essere riproposto a breve nonostante tutti quelli passati abbiano detto che Mestre e Venezia hanno bisogno (economicamente, soprattutto), l'una dell'altra.
      Poi, sia chiaro, se il Venexit si farà ne sarò in ogni caso contenta: dirò la mia su obiettivi e proposte senza aspettarmi altro che un'esercizio di democrazia che ai cittadini fa solo bene, visto che per la maggior parte sembrano convinti che basta votare e nulla è più affar loro.
      Ben vengano referendum su ogni cosa, quindi: fanno crescere civilmente e trovo che siano fra tutti i soldi meglio spesi...

      Elimina
  6. referendum ? noi no ?
    io sono dell'idea, dimostrabilissima , che le cazzate si autoalimentano fino a diventare un'immane montagna di merda...se poi, con le cazzate, ci fai un bel ricamo di parole ti ritrovi anche un bel pubblico di sostenitori di montagne di merda.
    perche ?perche
    l'art 50 del trattato di Lisbona prevede la possibilità di uscita unilaterale .quindi, non é che non si può uscire perché non si può fare un referendum , possiamo uscire nel momento in cui il governo in carica decide di utilizzare l'art 50 ...che poi i governi non lo fanno non intendano farlo o non possono farlo é altra storia e certo é che concorre all'impossibilità di uscire anche l'idea che questo sia possibile solo con i referendum che noi non possiamo fare ....chiaro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zì, badrone: zarà come tu dire perché badrone ha zempre ragione...
      ( il tuo commento contiene, fra un'articolo citato - art 50 Trattato di Lisbona - e uno eluso - art. 75 della Costituzione italiana, un buon mix di cose che hanno senso - "che poi i governi non lo fanno non intendano farlo o non possono farlo é altra storia" - e altre che non ne hanno nessuno - "certo é che concorre all'impossibilità di uscire anche l'idea che questo sia possibile solo con i referendum che noi non possiamo fare".
      Su tutto, un tono sgradevole da dittatorello pugnace e alle prime armi che risulta inutilmente livoroso.
      Inutilmente perché, pur consapevole che dei referendum i governi fanno quel che gli torna comodo (e finché l'esito di un referendum non passa per il parlamento è mero esercizio contabile), sembri aver voglia di fare a botte, più che di contribuire dicendo la tua.
      Non è bello, badrone...

      Elimina
  7. ti sembra poco comprensibile ...
    p.s. il mio commento contiene : IL TUO PUNTO 1 è UNA CAGATA PAZZESCA .
    P.P.S. io sembro aver voglia di fare a botte ? tu con la gratuità delle offese sembri fare autoerotismo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il mio punto 1 è una cagata pazzesca, puoi sempre presentare il tuo punto di vista sulle cagate pazzesche al governo o alla Corte Costituzionale. Sono più che certa faranno di te un eroe nazionale e un salvatore della patria.
      Autoerotismo?
      Concordo e lo sostengo da sempre: scrivere, parlare, comunicare, cantare, ecc., sono tutte attività connesse profondamente alla libido, manifestazioni di una pulsione vitale senza la quale saremmo tutti più o meno morti.
      Quindi sì, scrivendo faccio autoerotismo.
      Come tutti quelli che scrivono qualunque cosa in rete, a ben vedere...

      Elimina
  8. come ha osato il marrano dimostrare che l'architettura del ricamimino fondi su un errore? che peste lo colga. che ci si provi lui ad andare a Bruxelles...credevo che il ridicolo avesse un limite , quello dettato dalla decenza...costui é alle prime armi (?) ...vuol fare a botte ...come osa...aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  9. hei ricamatrice, sai che gioco nevvero? ma mi chiedevo ...riguardo all'autoerotismo....com'é la storia della libido?...la scrittura alla qualunque della qualunque paragonata all'arte? ...spettacolare, geniaccio.

    RispondiElimina
  10. hei ricamatrice, sai che gioco nevvero? ma mi chiedevo ...riguardo all'autoerotismo....com'é la storia della libido?...la scrittura alla qualunque della qualunque paragonata all'arte? ...spettacolare, geniaccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uffff...Yuki, ho già avuto modo in passato di socnsigliarla dal frequentare questo blogghetto di periferia.
      Lei merita di meglio, allarghi i suoi orizzonti, esplori il mare magnum del web e sono certa troverà interlocutori alla sua altezza.
      Non sprechi le sue energie e il suo tempo con le ricamatrici dedite all'autperotismo.
      Vada, vada, vada...Ha la mia benedizione...

      Elimina
  11. si pregaino i passanti di guardare altrove perché qui mal si sopporta chi si scompiscia ....
    p.s. ma andiamo...si può non ridere di chi paragona i suoi "scritti" all'arte per giustificarne la libido (?) ...e che libido...aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa...t'accontenti di pochissimissimo, devi essere affamatissima.si scherza eh !

    RispondiElimina
  12. Beh non si tratta di mero autoerotismo visto che qualcun altro c'è qui a leggere!!!!
    Le cose qui sono due:
    1) siamo guardoni incalliti?
    Ecco questa la scarterei, vi è pur sempre una minoranza che interviene, come il sottoscritto. Quindi, almeno per questi no, non calza;
    2) si tratterà mica di un'orgetta????

    RispondiElimina
  13. Maldoror7:30 PM CEST

    I due eleganti pavoni nell'immagine dell'intestazione del blog mi fanno venire in mente un brano musicale in cui si rappresenta il canto misterioso e malinconico e il frullare di ali di splendidi uccelli rari in una foresta tropicale.
    Nelle intenzioni dell'autore si voleva narrare il nonsenso della bellezza prigioniera di un mondo tetro e opprimente che non può comprenderla.

    https://www.youtube.com/watch?v=rGNkezA1wgQ

    RispondiElimina