domenica 26 giugno 2016

That's Cavalcade!

Tornando da un innocente caffè al bar, che nella mia attuale condizione monetaria equivale a un super lusso, si chiacchierava di Brexit, di Merkel, di Renzi, ecc.
Solite cose.
E mentre si ciarlava di questi problemoni europei, planetari ed esistenziali, ci è arrivata all'improvviso alle spalle la Ferrari Cavalcade.
E' stato un attimo, una straniante frazione di secondo che mi ha precipitata di botto in uno stato di stordimento.
Un'idiota mi son sentita, fatta e finita.
Avete un'idea di cosa siano 100 Ferrari messe in fila che ti sfrecciano davanti?

Facendo una media spicciola di 250mila euro l'una, in meno di un quarto d'ora ho visto un paio di decine di milioni di euro passarmi sotto al naso (100 milioni in realtà, il valore del parco macchine dichiarato dalla Ferrari). 
Non finivano mai, mai.
Una povera donna sta a trastullarsi sui massimi sistemi contenta di un caffè al bar la domenica, e finisce a chiedersi a cosa servirà mai un'auto con 690 cavalli di potenza e un costo (Ferrari Testa Rossa 599 GTO) di ben 320mila euro. Auto che neanche a guidarla di notte in autostrada, si ha modo di portare a raggiungere effettivamente i 335 km/h dichiarati.


Scopro poi che la Ferrari organizza queste "cavalcate" con un duplice scopo: far fare dei giretti collettivi "...that combines history, culture and art, through the most charming surroundings of the Venetian Lagoon" all'esclusivo club dell'altrimenti inutilizzato giocattolo.
E far vedere l'altrimenti inutilizzato giocattolo a dei poveretti che vi sbavano inutilmente sopra.
A questa banda di gigioni con la Testa Rossa si piegano i Comuni, la polizia municipale che prontamente blocca piazze e la polizia stradale che li scorta e limita il traffico sulle provinciali così che poi gli altri, i "ferraristi" a piedi e in processione, vadano ad accarezzarne nelle piazze la rovente lamiera solo per farsi il selfie di rito che non si sa nemmeno questo a cosa mai potrà servire. 

Seriamente, a voi competenti giuristi e raffinati geostrateghi che di alta politica ragionate tutto il dì: pensate che a questi cento in "cavalcata" freghi forse qualcosa del Brexit, della Merkel o del Ttip?
Volendo, questi la Merkel se la pappano per cena stasera e a colazione, domani mattina, dovessero avere ancora un po' di languorino, si fanno servire pure un brasatino di Juncker con contorno di Tusk e una coppetta ghiacciata di Nuland.

E se a chi ha passatempi da centinaia di migliaia di euro non importa un fico secco del Brexit o di chi in politica fa cosa, perché diavolo dovrebbe importare qualcosa a me che giro con un'auto di terza mano?

La vera ricchezza, mi dico per consolarmi della mia inutile tendenza a far ragionamenti senza capo né coda, si trova ai due estremi: o hai accumulato così tanto denaro da non riuscire a scialacquarlo neanche comprandoti tanti di questi inutili robini rossi da esibizione. 
Oppure, all'opposto, non avendo talmente più un euro da non costituire più un problema il sapere il costo di qualunque cosa.
E io, perdonate la sfacciataggine con cui ve ne informo, appartengo ai fortunati ricchi della seconda serie: perfino la biciletta potrei ipotecarmi senza fare un plissè.
 P.S. 27.06.2016
A proposito di Cavalcade, ecco come un Comune veste la città in onore dei new red riders 

30 commenti:

  1. E pensa, cara figliuola, che quei testa... rossa, opulenti d'inutilità e puzzolenti di grassa insoddisfazione, ti invidiano da morire l'anima e l'umanità che non posseggono per natura.
    C'è da meditare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, caro anonimo, dell'indebita attribuzione di "anima" e "umanità" che mi attribuisci addebitando per converso ai Testa Rossa un'ipotetica invidia che mi sento di vivamente contestare, per i seguenti motivi:
      1. la mitizzazione del ricco senza cuore a fare il paio con il povero "ricco dentro", non mi ha mai convinto fino in fondo: troppo facile l'equazione, e sempre a somma zero per il povero, cui mai che tutta questa anima e core gli renda un cent né mai risulta, per pareggio bilancio, che il ricco diventati più umano nel caso improbabile si togliesse di tasca quel cent
      2. essendo i Testa Rossa dei fanciulloni cresciuti della serie dei voglio, esigo, pretendo, comando, abituati grazie a questo quadruplice mantra a ottenere giocattoli sempre più sovradimensionati man mano che avanzano con l'età e ingrossandosi il malloppo, li si può al più contestare sull'occupazione di spazio urbano dei loro giocattoloni o di non seguire fedelmente la lezione ecologista de' noantri sullo spreco di energia e sull'inquinamento, certo non di essere puzzolenti, potendosi permettere lussuosi profumi e cotillons, e nemmeno grassi d'inutilità, essendovi fra loro parecchi scattanti cinesi e non pochi americani palestrati.
      Insomma, mentre loro sono shockanti per i poveri, loro i poveri nemmeno li vedono né ne concepiscono l'esistenza, per cui stranamente sono due specie che vivono da sempre in pace perenne per impossibilità fisica di occasioni d'incontro, e quindi di scontro (tranne appunto l'eccezione della cavalcade di ieri)
      Alieni gli uni agli altri, i poveri vedono nei loro giocattoli delle astronavi atterrate da Marte; gli alieni da Marte hanno una vista selettiva, per cui focalizzano solo cose grandi e morte, mai insetti che razzolano raso terra...

      Elimina
  2. Alcuni ipotizzavano fin dalla caduta del muro che sarebbe crollato anche l'occidente, perchè era all'opposto estremo, come se ci si avvii verso un certo equilibrio automaticamente.
    Purtroppo tanti di questi che cavalcano le rosse non sono ricchi, ma "arricchiti", grazie ad un sistema semplicemente falsato ormai da anni...
    D'altronde, che dovevano fare, una cavalcata con le UAZ?
    Mah... tutti manipolati?

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'altronde, che dovevano fare, una cavalcata con le UAZ?

      ahahhh...quanto mi piace l'idea...Magari mettendole in testa alla colonna di Ferrari nella stessa cavalcata: sai che spasso?

      Mah... tutti manipolati?
      Non proprio tutti, solo quelli con le UAZ.
      Quelli invitati alle Cavalcade non ne hanno bisogno, se ne fottono dei manipolatori, se li comprerebbero, se mai valessero qualcosa.

      Arricchiti
      Mica parlavo di "signori", quelli così tignosi con l'understatement da non sapere mai distinguerli dagli altri se non per i modi.
      Un ricco, che sia fresco di giornata o già passatello, è ricco e basta. I soldi ci vuole qualche anno per farli invecchiare, e le fortune recenti sono soggette come tutto il resto alla mannaia degli eventi: oggi hai una Ferrari, domani te la confiscano perché non hai più i soldi per pagarci il bollo.
      Son giocattoli, non corone...
      Saluti a te...

      Elimina
  3. io ti auguro sinceramente di trovare il tempo e la voglia di approfondire la tua conoscenza sulle distorsioni cognitive ed in questo caso in chi evidentemente confonde la bellezza con il possesso .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Listen yuki, solo a vederti ancora qui mi orende una tale irritante distorsione cognitiva che forse è meglio se ti auguri che io non l'approfondisca.
      Usted entiende?

      Elimina
    2. Non solo io, cara Ross, ma penso che anche una tipa molto, molto originale come Fred Vargas farebbe ripetuti testa-coda rossi fiammanti pur di correre a procurarsi almeno un quantum delle tue distorsioni cognitive.

      Resta il fatto incontrovertibile che non sono in vendita (sigh!).

      Invidio gli pisi-risi-bisichiatri che riescono a farsene una ragione.

      Ciao! E un abbraccio, perché non si sa mai, nelle sorti meravigliose non-progressive della meccanica quantistica, quando mi potrà ricapitare l'occasione.
      marilù

      Elimina
    3. ahahhah...bellissimo quel pisi-risi-bisichiatri...
      Ciao Marilù! Un abbraccione anche a te, sempre bello ritrovarti...

      Elimina
  4. È il risentimento dei mediocri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere una fissazione, quella per cui i ricchi pensano che i poveri li invidino (o li odino) per cose da burini che piacciono solo a loro.
      Ma ti pare che, anche potendo (e ci sono stati tempi migliori potevo, così che parlo con cognizione di causa), butterei dei soldi per una baracconata come una Ferrari?
      La trovo imbarazzante, nel senso di pacchiana e se mai, appunto, da burini.
      Riservo i miei (eventuali) risentimenti a cose più raffinate, con un filino di più stile, come a una vecchia Triumph come questa...se mai...


      Elimina
    2. Molto british e foscoliana ad un tempo.
      Parlando di cavalcate (e di cadute, eventualmente anche di stile...).
      (marilù)

      Elimina
    3. Compratevi pure la macchinetta di nonna papera ma smettetela con questa ostentazione omosessuale , é patetica.Rimane il fatto che se non si tratta di invidia ,per le Ferrari e per chi può comprarsele ,nell'articolo non c'é altro .

      Elimina
    4. ...smettetela con questa ostentazione omosessuale...

      ...se non si tratta di invidia ,per le Ferrari e per chi può comprarsele ,nell'articolo non c'é altro

      Ecco la conferma che aspettavo: l'aspirante ferrarista "a piedi e in processione", che non potendosi permettere una Testa Rossa, si erge a difensore della mascolinità dei possessori di Ferrari.
      Un po' come quelli che, pur con le pezze al culo, difendono a spada sguainata il Marchionne-pensiero e passano la giornata a fustigarsi le terga anche dopo averle cedute in cambio di un piatto di minestra.

      Elimina
    5. Perchè omosessuale?
      Semmai le Ferrari, come altri oggetti, vedi le armi, da parte di un uomo, pissicologicamente parlando, sono semplicemente una prolungazione del proprio pene, insomma, un complesso di chi si sente che ce l'ha piccolo.

      Saluti

      Elimina
  5. Manipulation...

    http://katehon.com/article/great-manipulator-magic-and-modern-society

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, molto interessante...(ma capisci che a un ferrarista per conto terzi, di quelli che passano di qua convinti che chi disprezza compra, è dura anche solo citargli Mircea Eliade. Figuriamoci portarlo indietro fino a Giordano Bruno: questi capiscono al più il rosso Ferrari, certo non quello delle fiammate dell'intelligenza pura che porta ancora e sempre all'inferno in terra...)

      Elimina
  6. naaaa...mi ero perso tutta sta matematica.
    moltiplicazioni esponenziali di cazzate per nascondere l'invidia.
    marchionne, minestra, mascolinità ecc ...vecchia volpe....sei furba ! prendi una stronzata la amplifichi e diventa una montagna di merda insormontabile.
    si , hai ragione tu , é meglio fermarsi in una strada di campagna con una triuph che va in ebollizione ...é matematico...capiscammé .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parlare di ebollizione in mia presenza, che già non reggo il caldo afoso...

      Elimina
    2. si però , anche tu...scrivevi due righe di invidia ed eri a posto , chi avrebbe aperto bocca?
      ma andiamo , scomodare finanche giordano bruno ...per una sfilatina di Ferrari ? giordano bruno ? e quell'altro che parla di condizionamento ? ...ma dai, che modi sono ... mi manca il supereroe con la "S" quello/a che con il potere della S trasforma in esoterica anche la pastasciutta e facciamo il pieno.
      oh , beninteso , l'invidia oggi é un indotto sociale non c'é da vergognarsene , puoi tranquillamente sputare veleno .

      Elimina
  7. Caldo afoso .... in Veneto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terra di zanzare e tafani...

      Elimina
    2. Anche sui Colli Euganei e sulle Alpi?

      Elimina
    3. Zanzare e tafani?
      Immagino di no, ma non ho certezze dato lo sconvolgimento del clima, con le cime senza neve e i Colli caldi quanto la pianura...

      Elimina
  8. Ma io sinceramente non invidio i possessori di queste "auto". Io mi sento benissimo a mio agio con la mia due ruote (gambe) e il mio 8 ruote (autobus, hanno 8 ruote vero? sai che non ci ho mai fatto il conteggio)
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una persona sana in un mondo malato, e questo è il punto.
      Ormai, dopo il periodo in cui andavano forte come offese "comunista" o "statale", ora è tutto un attribuire odio e/o invidia.
      Jung ne ricaverebbe una diagnosi di ego fuori controllo, a star bassi...
      Un abbraccione anche a te

      Elimina
  9. hai ragione pennuta , trattasi di ego fuori controllo...del resto non c'é altra definizione per l'ego di chi crede sia necessario rendere pubbliche le proprie opinioni celebrando se stessa e la sua eccezione mentre scrive paginate di conformismo morale per giustificarsi un'umana e comprensibilissima invidia.

    RispondiElimina
  10. Il bello della Ferrari Cavalcade me l'ero persa...
    https://www.youtube.com/watch?v=ovAOHNiDyRs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo esserti bagnata le mutandine dove avrai trovato sollievo?

      Elimina
    2. Solo un frustrato aspirante ferrarista, arriva al ridicolo di attribuire le proprie ridicole spruzzate nelle mutande a una donna.
      Fatti un corso rapido sull'erotismo femminile, giusto per capire almeno di cosa straparli...

      Elimina
  11. Ma che carina sei...Mi hai fatto ricordare...tempo fa...ero a Ginevra per vendere all'asta dei vini/cognac antichi (non è il mio mestiere..per fortuna) e insomma visto l'ambiente mi si offrì di provare una Ferrari e pure una Porsche 300turbo...beh la superficialità in questi casi prevale...ma a tempo reale, è un "giusto" giro in "giostra" nient'altro che ciò!
    Che baracca quella Ferrari mondial...la dovevo tenere su di giri altrimenti si spegneva...mentre la Porsche era un altro mondo...

    Poi la vita mica è questo...un tuono/lampo ravvicinato è certamente meglio del rombo di un 12cilindri...

    È giusto sperimentare...quando faccio i pagamenti mi compro sempre un libro..per compensare la frustrazione di ritornar a casa con dei squallidi cedolini timbrati...

    Un po'di profumo non guasta...sono le essenze che contano...

    Slobbysta

    RispondiElimina