martedì 19 luglio 2016

Isole

Sul Fatto del 19 luglio  

“Erdogan sevizia oppositori
Alfano blocca reato tortura”

Italiani avvisati, mezzo salvati. Tanto per essere chiari: dopo Genova 2001, non era molto difficile capire la piega che i democratici paesi Nato e pure globalisti avrebbero preso.
Basta poi ascoltare il silenzio qui e là infarcito da mugugni e balbettii, per avere la certezza che Erdogan ai leaders europei fa si un po' schifo, fa sì un po' impressione, però solo a momenti.

Poi si ricordano che così come non è Erdogan in persona a fare il lavoro sporco, così non saranno mai loro a doverlo fisicamente fare. Hanno speso fior di quattrini per far fare studi di settore approfonditi alla ciurma specializzata in torture democratiche, no?

Sono in un'isola della Croazia, e sto meditando di chiedere asilo politico al mio ospite: s'é tirato su una casetta con quattro pietre, di mattina va fuori a pescare il pesce che poi si cucina la sera. Dietro casa ha pomodori, melanzane, un albero di prugne e uno di fichi.

Barattando fichi, prugne e pomodori con uova e formaggio, si può vivere con niente.

In più, le isole hanno questo di bello, compresa quella dove sto: sono rifugi perfetti contro i pirati, di qualunque razza siano.

C'é in alto, salendo un ripido sentiero che porta in cima a un colle dove sta una chiesetta spartana e antica, un gruppetto di 4/5 case di pietra, ormai abbandonate. E la storia racconta che qui si rifugiarono i locali antenati del mio attuale ospite per resistere ai veneziani, un bel po' di anni fa.

Capre che danno latte e formaggio consentono di resistere a lungo.

I torturatori che l'Unione Europea e la Nato non aggrediscono militarmente per riportarli alla democrazia sono la dimostrazione che i dittatori veri l'UE li salva, gli fa la guerra solo se non spartiscono il bottino.

I pirati erano più trasparenti nelle loro politiche di "integrazione".

Meglio le isole, in qualunque senso.

 


12 commenti:

  1. Alcune isole dalmate erano esse stesse covi di pirati, tant'è vero che Venezia dovette combatterli a più riprese espugnando tali covi, e annettendoseli (anche se il più famoso era sulla terraferma dalmata, Almissa,presa da Venezia nel 1444).
    Si potrebbe conoscere il nome dell'isola in cui ti trovi adesso? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, e pirati lo sono rimasti, in qualche modo. E visti i tempi e i Pokemon che governano l'odierna civiltà, meglio fidarsi dei pirati, almeno hanno poche leggi e ben chiare a tutti. Pensa che ieri sera ho visto per qualche minuto una Al Jazeera Balkans dove si confrontavano un paio di personaggi sul tema Turchia: per quel poco che ho intuito a spanne, si chiedevano come eventualmente dovranno gestire la propria sicurezza contro le invasioni turche. Il che è inquientante, perché riporta ai tempi della Serenissima Repubblica che non consentiva passaggi sul proprio mare interno, ma allo stesso tempo mi sono chiesta come si possa stare a ragionare di fuffa da Pokemon italiani con un contesto internazionale dove tutto ormai è possibile.
      Perfino la perfida Merkel si sta rivelando la nullità che è: brava a bacchettare gli alunni indisciplinati ma un niente con la fuffa intorno come stratega politica.
      Meglio sarebbe stare qui, in effetti...ma mi sa che dovrò tornare...e non è bello...
      Isola di Pasman, verso Tkon...

      Elimina
  2. Domani è l'anniversario della battaglia di Lissa, combattuta nel 1866 tra il neo(mal)nato Regno d'Italia e l'Austria, proprio di fronte all'omonima isola dalmata.
    Gli equipaggi austriaci vincitori sulla flotta italiana di Persano, erano in gran parte veetofoni tra le foci del Po e Cattaro.
    E nel momento cruciale della battaglia, l'ammiraglio austriaco Tegetthoff, gridò al timoniere, Vincenzo Vianello di Pellestrina e al resto dell'equipaggio: daghe dentro fioi!
    Guido Piovene, diceva che Lissa fu l'ultima vittoria di Venezia.
    Venezia (ancora per poco) austriaca, e vittoriosa, tramite i suoi equipaggi CONTRO l'Italia dei savoia.....

    RispondiElimina
  3. Il ministro Gentiloni ha ribadito, con vibrante fermezza (ossimoro diplomatico....), che se Erdie si spingesse fino a ripristinare la pena di morte per i "traditori", immediatamente verrebbero congelate le trattative di integrazione turca nella UE'-siam-mica-barbari-neh?.

    Buone vacanze e fecondo isolamento, cara Ross!

    marilù

    P.S.: Complimenti a mirkhond per la sempre geniale erudizione storico-etnografica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La situazione turca sta facendo emergere con brutale chiarezza l'irrilevanza politica non solo dell'Italia, ormai svuotata di tutto al punto da poter solo servire il padrone Usa/Nato, ma pure la stupidità totale del'UE, che balbetta cose sulla democrazia che sinceramente, vista la brutale perfidia del Sultano, danno la sensazione di un inutile e pesante baraccone di gente che più che sfornare leggi idiote non sa fare.
      Vorrei vedere come reagirebbe se il Sultano usasse la "piattaforma" Italia per andare a prendersi Bruxelles.
      Quello è capace di procedere a colpi di scimitarra mentre quelli ancora starebbero a parlare di "situazione inaccettabile"...

      Mi unisco ai tuoi complimentoni per mirkhond: avercene...

      Elimina
    2. "Quello è capace di procedere a colpi di scimitarra mentre quelli ancora starebbero a parlare di "situazione inaccettabile"..."

      A quel punto spero che le nostre forze armate, presidente della Repubblica in testa, si sveglierebbero (e non per roteare...mattarelli!).

      Comunque l'Italia come trampolino di lancio l'ha già usata nel 2005 l'etiope (o era eritreo?)responsabile degli attentati di luglio a Londra. Questo poi è un anno di olimpiadi...

      Ciao, di nuovo auguri di buone ferie e di ancora migliori e lungimiranti alleanze.

      marilù

      Elimina
  4. Per Marilù

    Come hai fatto a capire che sono io, visto che quasi sempre non mi firmo? :)
    Deduco che tu sei un'attenta osservatrice!
    Ciao!

    Mirkhond

    RispondiElimina
  5. Stai li e non ti muovere.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai idea di quanto mi irriti il pensiero di dover tornare. Intanto semino alleanze, non si sa mai...

      Elimina
  6. Goditi Pasman!

    RispondiElimina
  7. Anche se non commento spesso, seguo sempre il tuo blog!
    ciao!

    Mirkhond

    RispondiElimina