mercoledì 22 dicembre 2010

Norwegian Wood

In auto, poco fa, parlavano di Murakami Haruki. Che vuol dire Norwegian Wood e vuol dire immediato collegamento del pensiero al piacere di quella lettura. Vuol dire il mio primo Dance Dance Dance ma vuol dire anche Ale, con cui ho condiviso mesi di piacere postumo alla lettura di Norwegian Wood. Serate a citarci ora uno ora l'altro personaggio del libro, riprovando ogni volta emozioni come voli immaginari verso l'infinito, il nostro "Tutto". Parola che racchiude per noi la magia di alcune canzoni dei Beatles, citate da Murakami Haruki, e diventate citazioni emotive da regalare all'altro. Anche oggi, basta che Ale dica "Across the Universe" perché io mi trovi a galleggiare fra le stelle. Ecco, le cose si sommano, tutto è collegato. Aumenti la condivisione dei pensieri e inevitabilmente ricolleghi tutto all'uno. Che, in questo caso è l'Uno Murakami Haruki. Sentirne parlare, stasera, mi ha ricordato una cosa pensata tempo fa: crescere non è per me "limare" la vita all'essenziale, riducendone il senso e restringendone i confini. Crescere è più di ogni altra cosa approfondire, precipitare sempre più consapevolmente e profondamente dentro se stessi. La maturità, quella che per molti è essenzialmente riduttività, è per me scoprire e affrontare la forza nascosta in se stessi. E, nonostante la paura di questa "forza nascosta", sprofondarvi sempre di più, un passo alla volta, decisi a riunire ogni parte di sé per essere di nuovo "Uno", prima della fine. Solo scoprire questa forza consente una ri-nascita, la venuta al mondo di quel sè indiviso che solo a noi spetta di mettere al mondo. Ecco: crescere è aderire sempre più alla nostra identità totale, accettare quella somma di segni distintivi e assolutamente personali che fanno di noi il chi siamo. Poi, per la scrittura, Murakami Haruki mi ha insegnato che a far la differenza è il non sottostare mai alla tentazione di dover in qualche modo far l'occhiolino a chi ti legge, ma tenere duro; essere sempre e solo il proprio personale pensiero scritto. Mi sto allenando, come si nota. Ancora nessuna correzione, almeno non per i prossimi due giorni. Poi vedo se c'è da limare una virgola o mettere un punto. Per il resto, questo era e rimane.

Nessun commento:

Posta un commento