martedì 25 gennaio 2011


Mi sono decisa ad aggiungere Internazionale fra le News linkate a fianco per il più ovvio dei motivi: ci trovo l'oroscopo più simpatico.
Leggete cosa dice per l'Ariete questa settimana:

Ariete

21 marzo – 19 aprile


Ti si presenta ancora una volta un’annosa questione: dare la priorità all’indipendenza o all’interdipendenza? Naturalmente la risposta è sempre diversa a seconda del momento e della fase della tua evoluzione. Ma, almeno nelle prossime settimane, secondo me dovresti mettere l’accento sull’interdipendenza. Se fonderai le tue energie con quelle di alleati che hanno una forza e un’intelligenza pari alle tue, ne trarrai enormi benefici

Non ho idea del perché, ma secondo me ci "azzecca". Al punto che come l'ho letto mi sono messa a ridere pensando che: "Urca! Questo mi sta spiando!".

Però avrei preferito quello del Leone. Anche quello dello Scorpione non è malaccio. Si potrà fare uno scambio? Secondo me, sì.

20 commenti:

  1. Sicuramente più simpatico di Branko ;-)

    RispondiElimina
  2. Non c'è storia. Dimmi di che segno sei che mi leggo il tuo, please (magari si fa cambio, qualche volta)...

    RispondiElimina
  3. Ross, nel mio modesto parere l'oroscopo, chiunque lo scriva, è alla fine una forma di superstizione evoluta, ma almeno, rispetto per esempio alla chiesa cattolica ha il vantaggio di regalare un sorriso e non farti sentire un criminale anche se solo assumi degli antibiotici.....

    [Ariete, eh? Adesso capisco le sane e solide radici della tua "tostaggine"]

    RispondiElimina
  4. Massimo: mi rifiuto di definire con una simile etichetta gli oroscopi. Superstizione è il termine inventato proprio dalla chiesa (e dall'illuminismo) per provare a chiudere dietro una porta una delle tante umane attitudini: quella di farsi domande sul futuro. In questo, farsi domande e scommettere sul futuro, non c'è molta differenza fra giocare in Borsa e credere a un oroscopo(pare che i grandi azionisti siano infatti accaniti lettori di oroscopi e frequentatori di fattucchiere). Con la differenza non da poco che chi specula in Borsa sui Future ci mette palanche vere. Chi legge un oroscopo può sempre consolarsi aspettando quello del giorno dopo senza gravi danni. Quindi sì, ci puoi sempre ridere senza però negarti quell'apertura mentale su ciò che non sai che così bene fa all'immaginazione. Jung sosteneva che senza questa il mondo come lo conosciamo non esisterebbe, visto che molto di ciò che ci circonda è nato prima nell'immaginazione di qualcuno.
    Ariete. Sì, solo che più che tosta direi donchisciottesca: sbatto le corna contro gli ostacoli senza capire mai che mi si storcono, rendendole inservibili come arma.
    A salvarmi, per fortuna, c'è un ascendente Toro, che all'occasione infilza chiunque gli pari davanti banderuole idiote...Però ora scommetto sul tuo: Gemelli? No...forse Cancro...Voglio sapere!

    RispondiElimina
  5. Gemelli, gemelli....infatti la mia ironia era anche nascosta dal fatto che mi autosmentivo in due righe, definendo "superstizione" salvo poi, due righe dopo, riconoscerti una carattere tipico da donna Ariete...
    Adesso segami pure a metà, anzi in quattro (due per ognuno dei deu gemelli...)

    RispondiElimina
  6. Massimo: ma quando mai? eri già assolto mentre scrivevo che farsi domande sul futuro è attitudine assolutamente umana. Poi c'è chi ci si beve la ragione e chi se ne finge schifato, ma una sbirciatina la diamo tutti e non ha mai fatto gravi danni a nessuno...(a parte ai borsisti, che invece sì, eccome!)

    RispondiElimina
  7. Massimo: però, cavoli! beccato al primo colpo. Non è che potrei mettere su un tavolino e svoltare? Avrei giusto necessità di un pò di cash esentasse...

    Francesco: ora sperimento le mie facoltà divinatoria tentando di indovinare il tuo segno: Acquario? in second'ordine Capricorno...(non smentirmi che ci devo metter su bottega)

    RispondiElimina
  8. Io son di quelli che detestano gli oroscopi (o forse, più che gli oroscopi in sé, l'atteggiamento di certe persone verso di essi)... sì, li considero proprio superstizioni. Però per ridere, ci rido anch'io. Solo che io ho il problema che sono di un segno "antipatico" (capricorno), non mi ci riconosco proprio!

    RispondiElimina
  9. Gemello e INTERdipendente. Assolutamente.

    RispondiElimina
  10. Ilaria: a ridere in questo momento sono io. Oggi, mentre scrivevo a Francesco di ipotizzarlo un Acquario, sono stata lì lì per scrivere "Ilaria, tu non puoi che essere un Capricorno". Meno male che non l'ho fatto, visto che sembri non esserne contenta.
    E perché poi? Le donne Capricorno che conosco sono: 1)molto concrete e terrene; 2)capaci e quasi tutte con una bella storia di successi lavorativi; 3) mi dicono amanti insieme dolci e focose; 4) molto acute e sensuali.
    Se hanno un piccolo neo, secondo me, è che (quelle che conosco e va a capire che strani aspetti astrali hanno), non troppo disposte a ridere di se stesse. Insomma, si prendono molto sul serio. E però, io un pò invidio questa serietà e questa concretezza che un pò mi difetta...

    Sator: Ovviamente. Potrebbe mai un Gemello non esserlo? Poi pare che l'Inter lo faccia apposta a creare dipendenza: sempre lì a tirar sù coppe a destra e a manca. Ma che se ne fa? Le colleziona?

    RispondiElimina
  11. Ma davvero??? Brava, sei un'indovina! ;-)) Mmh, non so, è che il capricorno è sempre descritto come segno di: persone materialiste, ambiziose e calcolatrici; fredde, corazzate e introverse; che pensano solo ai soldi e alla carriera e sarebbero pronte a calpestare tutti. Infatti quelle poche volte che mi capita di sentire o leggere un oroscopo del mio segno mi si pronosticano sempre soldi in arrivo e gran carriera: ma quando mai? ;-) Ih ih, insomma capisci che è meglio non crederci!
    P.S. anche mia sorella è un'Ariete!

    RispondiElimina
  12. Vergine. Ascendente Scorpione :-)

    RispondiElimina
  13. Ilaria: No. Bello sarebbe crederci, di avere "soldi in arrivo e gran carriera". Non è un gran dispendio di energie e, per restare in tema "calcolatrici", costa di più non crederci. Il risultato sarebbe lo stesso però ti divertiresti di più. Non fa male alla salute (tanto, mica ci conti, no?) e ne guadagnano la pelle e lo sguardo. Insomma, con gli oroscopi ci devi giocare, non crederci o non crederci, ti pare? Sarebbe come entrare al casinò, puntare 100 (o 1000) euro però già convinta di star regalando denaro. Che senso ha se almeno non ti diverti a sfidare la fortuna? E' sicuro che tu stia davvero regalando soldi al casinò, ma capita anche, qualche rara volta, che qualcuno vinca. E se fossi tu? E' lì il bello di giocare: giocare. In più gli oroscopi sono gratis.
    Pensa che spesso mi vado a leggere l'oroscopo la sera, quando mi capita una giornataccia. Verificare a posteriori mi consente di dirmi che si è trattato di "pessime congiunzioni astrali, roba che non dura" o di attribuire la rogna all'incapacità dell'astrologo che non ne imbrocca una. Lo trovo un buon metodo per non restare troppo attaccata agli umori pestilenziali di una giornata che è comunque passata e finita.
    Ora ho davanti tutto un anno di "Se, figurati...e però...che ne so?" per la previsione di un anno che dovrebbe essere straordinario per l'Ariete.
    Da come si mette direi che rischia di esserlo per la ragione opposta a quella comunemente intesa.
    Però, metti che inciampi per caso su una miniera di diamanti. Capita, no? Perché non a me? Metti che alla canna del gas scappo con un barcone in Africa, mi perdo nel Kalahari, incontro finalmente i boscimani e loro mi indicano una miniera ancora sconosciuta. Oplà, divento ricchissima e l'anno straordinario è assicurato.

    RispondiElimina
  14. Francesco! Questo è alto tradimento! Adesso come lo metto su un banchetto con la sfera di cristallo? contavo sulla tua collaborazione come spalla per turlupinare qualche farlocco e tu mi tradisci così?
    Però, è perfino ovvio: potrebbe mai un Vergine asc Scorpione mentire per interesse? Mai!
    La bottega è sfumata però...
    Dovrò inventarmi qualcos'altro...
    Cartomante? Consulenze in diretta via Skype, 25 euro a consulto, pagamento Paypal anticipato?
    Me la cavo bene anche a interpretare sogni. Vuoi gentilmente farmi un pò di pubblicità per sanare questa tradimento imprevisto?

    RispondiElimina
  15. Ma certo! Ho già in mente un manifesto pubblicitario: foto di te (con foulard gitano) e M.Luther King uno di fronte all'altra. Lui espone il suo sogno: "I've had a dream..."

    RispondiElimina
  16. Francesco: Fantastico! E io sono the dream...Grande!
    Vedo che sei entrato nello spirito e perfino svelando (a tua insaputa) doti medianiche: ho il manifesto di I Have a Dream, comprato a New York anni fa e da allora dentro il tubo ad aspettare questa occasione.
    Per il foulard gitano (che non ho) potrei spedire Scaini a farsi un giro fra i gitani, che a lui fa bene viaggiare e così ne recupera uno. Visto che è lì, magari potrebbe provvedere anche a corrompere una zingara per farsi passare qualche trucco D.O.P. Mi toccherà poi riconoscerle una percentuale sui profitti ma ne vale la pena: garantisce quel tanto di esotico che non guasta.
    Hai un'idea per il nome d'arte?

    RispondiElimina
  17. L'idea di una Ross (in arte Donna Ariete) in veste gitana ha il suo fascino, ma....non so quanto nella Serenissima possa essere salubre, di questi tempi, abbigliarsi (anzi, "mascherarsi" come dicono ameni personaggi tipo il sindaco di Verona) con qualcosa di lontano dalle "nostre" tradizioni. Non vorrei mai che il prossimo falò in piazza san Marco ti abbia tra i protagonisti in un ruolo tutt'altro che secondario.........

    RispondiElimina
  18. Massimo: non ti posso spiegare qui (per ragioni di segretezza), ma pure tu sembri avere doti medianiche.
    Se la Dream's Reader in Piazza San Marco si traveste da gitana lo fa con 2 scopi: il più evidente è, come si diceva, tirar su due palanche esentasse per sanare il bilancio; il secondo, quello di realizzare i sogni propri mentre legge e traduce quelli altrui.
    Il secondo vale una vita e, pur azzerando la necessità di sanare i propri bilanci ottiene almeno di eliminare gli ostacoli al risanamento di quelli comunali con un paio di botti abilmente occultati sotto le zingaresche vesti.
    Vero che detesto i ruoli da protagonista, ma in questo caso mi sacrificherei ben volentieri sapendo di non dover poi sopportare gli applausi al funerale dell'eroina ormai indifferente e sorda.
    Sicuro che non vorresti contribuire alla riuscita di un così ambizioso progetto?
    Qui, "o si fa la zingarata o si muore".
    Dai, senti nel giro dei cinesi per due botti d'occasione che poi si fa festa...

    RispondiElimina
  19. Ross, non ho cinesi sottomano, sono andati tutti a Napoli lo scorso weekend...........

    RispondiElimina
  20. Massimo: azzz...vero, svenduti a 5 €...tzsk! rischiavamo di brutto senza la tua verifica affidabilità soci.
    Fa niente, sono certa che potresti accompagnare Scaini fra i gitani per occuparti della cosa. Vuoi che loro non conoscano qualcuno che fa al caso nostro anche per un veloce acquisto di qualche petardo?

    RispondiElimina