giovedì 21 luglio 2011

Gli Intoccabili

[...]Papa, autosospesosi dal partito, rimane deputato e in carcere manterrà tutti i benefici di parlamentare: come diritto a percepire l'indennità e a presentare proposte di legge, interrogazioni, interpellanze e mozioni. Solo una sentenza di interdizione dai pubblici uffici e il conseguente provvedimento della giunta per le elezioni della Camera renderebbe ufficiale la decadenza dello status di parlamentare. Un iter lungo che inizierà solo con l'avvio del processo penale nei suoi confronti.[...] - Leggi su Corriere della Sera online.

Non è fantastico?
Una volta eletti, solo Dio, con il permesso della Provvidenza, li può fermare.
Quale altro lavoro, in quale altra "azienda", in quale altra professione, per quanto ai vertici, si può aspirare a tanto?
Se ti beccano a rubare in cassa in un'azienda privata, puoi anche essere l'Amministratore Delegato ma prima ti mettono alla porta e poi ti fanno sbattere in galera.
Se sei anche solo sospettato di alterare i conti o di portare all'esterno segreti aziendali, magari ti offrono una buonauscita per evitarsi ulteriori rogne, ma ti mettono comunque alla porta con diffida.
In Parlamento, non importa se ciò di cui ti accusano è dimostrato o falso: anche dalla galera, quindi con qualche prova (da dimostrare) e più di un sospetto, continui a incassare lo stipendio, a proporre leggi, mozioni, interrogazioni.
Dopo eletti, non sono più cittadini, sono Eletti.
Cioè, Intoccabili.
Con certificato di garanzia a vita.

2 commenti:

  1. Appunto. Solo il Papa, quello tedesco (e non Tedesco) con le scarpine di Prada gode di questo privilegio, una volta eletto. E non rischia nemmeno di finire in galera...

    RispondiElimina
  2. Marco:
    Ci sono: ecco perché qualcuna li chiama "Papi"...

    RispondiElimina