domenica 24 luglio 2011

Pavoni (autocelebrazione)

  • Nella mitologia romana, il pavone era simbolo della dea Giunone.
  • Nella tradizione cristiana è simbolo di immortalità. In base alla credenza secondo la quale il pavone perde ogni anno in autunno le penne, che rinascono in primavera, l'animale è diventato simbolo della rinascita spirituale e quindi della resurrezione. Inoltre i suoi mille occhi sono stati considerati emblema dell'onniscienza di Dio.
  • Un detto lombardo, recita: "I òmen e i pollon hinn i pussee cojon" (gli uomini e i pavoni sono i più stupidi*), poiché imitandone insistentemente il canto d'amore per indurlo a esibire il piumaggio, lo si pone in costante eccitazione sessuale, in questo stato tende a digiunare fino a deperirsi, così come le persone vittime di lusinghe, tendono a non accorgersi della realtà e a fare cose stupide.  Da Wikipedia
* la traduzione non mi pare esatta ma credo si adatti anche al genere femminile

7 commenti:

  1. E' giusta. Hinn=sono. A seconda delle zone (Milano, ad esempio) la o diventa u (cujùn) e la u va letta ü. Come la mettiamo col Pavo Iaponensis che campeggia a intestasiùn del blog? Che significato ha il pollastrone nella terra del Sol Levante?

    RispondiElimina
  2. A parziale (ma fondamentale) rettifica: avevo malinteso il tuo dubbio riferendolo a "hinn". Pollon in realtà è il tacchino o dindo. Ma siccome pavùn e pollon hin cujun tai quai, va ben istess.

    RispondiElimina
  3. Marco:
    il mio dubbio, a dire il vero, è sulla traduzione di "cojon" con "stupidi".
    Con il Pavo Japonensis la mettiamo che, come indico fra parentesi nel titolo del post, si tratta di autocelebrazione.
    Può esservi maggiore stupidità ( o assenza di cojon)che il rimanere vittime di lusinghe, cioè di illusioni?
    La realtà, prima o poi, fa di ogni illusione una delusione.
    Perché coltivarne?

    RispondiElimina
  4. "In Hinduism the Peacock is associated with Lakshmi who is a deity representing benevolence, patience, kindness, compassion and good luck.

    Similar to Lakshmi, the Peacock is associated with Kwan-yin in Asian spirituality. Kwan-yin (or Quan Yin) is also an emblem of love, compassionate watchfulness, good-will, nurturing, and kind-heartedness. Legend tells us she chose to remain a mortal even though she could be immortal because she wished to stay behind and aid humanity in their spiritual evolution.

    RispondiElimina
  5. Però mentre le lusinghe tendono a produrre illusioni, queste ultime non sempre sono lusinghiere. Più saggio in ogni caso coltivare la realtà. Magari per cambiarla, visto quel che ci circonda.

    RispondiElimina
  6. Marco:
    "cambiare la realtà" non è infondo una delle molte illusioni sulla Realtà?
    La Realtà è indecifrabile: possiamo coglierne solo, a volte, qualche dettaglio.
    E anche quello, a ben guardare, è sempre soggettivo, quindi parte dell'illusione sulla realtà che coltiviamo ...

    RispondiElimina
  7. Ciao,
    Non essendo milanese non sono in grado di dare pareri sul proverbio citato. Comunque da cristiana so che è il simbolo della immortalità, della resurrezione e della rinascita e questo è abbastanza per l'affascinante animale.
    Per i non credenti è anche grande la simbologia Induista che citi, che non conoscevo. Il suo fascinoso aspetto lo rende meritevole di rappresentare la divinità della benevolenza, della pazienza, della gentilezza, della empatia e solidarietà nella sofferenza umana e della fortuna. Questa, forse mi piace di più, comunque è un animale bellissimo!
    Quanto a "cambiare la realtà" è stato sempre il desiderio umano più ricorrente. Per esempio, io cerco disperatamente una BACCHETTA MAGICA che servirebbe egregiamente a questo scopo e anche ad altro....Però, mi piace (e mi serve molto) vedere il bicchiere mezzo pieno: non mi fa passare la sete, lo so, ma non mi fa disperare per riempirlo anche se non ne ho bisogno.

    RispondiElimina