lunedì 11 luglio 2011

Post il post, una tragedia...

Mosca - Atto I

Mi consolo da sola, và....
Una tragedia dopo l'altra, in questo paese.
Post il post, mi tocca già una rettifica.
L'ho uccisa col gas, la mosca.
Le avevo dato altre vie d'uscita, tipo spalancarle la finestra, farle aria in quella direzione con il giornale, minacciarla a voce alta di massacro, se non usciva.
Niente, ho dovuto gasarla.
Vape Open Air in casa e l'ho finalmente vista cadere stecchita al suolo.
Che non è bello e non fa certo piacere, mettersi a gasare le mosche di prima mattina, però, che ci si può fare se ti chiedono loro stesse di morire?
Un mezzo bisogna pur trovarlo, alla fine.
Certo la cosa imbarazzante è il ripetersi inarrestabile delle situazioni nel tempo: non v'è luglio che passi senza che una qualche mosca mi ricordi che le devo una storia, ancora tutta lì, da rimpolpare.
Sarebbe giornata giusta, questa.
Ne avrei l'ispirazione.
Vi sono i presupposti ideali.
Solo che la mosca, cioè il soggetto laterale del plot, l'ho uccisa.
Finale già scritto da ritoccare verso il dramma, niente più poesia di mosche che volano gioiose dalle finestre aperte.
Però l'avevo avvisata, lo voglio dire qui a mia totale discolpa.
Una tragedia che si era fatta inevitabile.
Mi rincuorano solo le parole in playback del duetto Napolitano-Marcegaglia di stamattina: "Coesione nazionale per prove difficili" il primo; "Lavorare nella stessa direzione" la seconda.
Neanche farlo apposta, pare che il destino dei blogger sia correre più in fretta delle lepri per spegnere più fuochi di un pompiere d'assalto.
Non ho fatto in tempo a scrivere un post sulla frase di ieri "Se siamo seri non ci dobbiamo preoccupare", che già dovrei scriverne un altro.
Ecchepalle!
Se ai bloggers dessero un centesimo a citazione cazzate sparate dai politici, saremmo in molti ad essere felici e magari andremmo tutti al mare, oggi.
Invece tiè, una frustrazione dopo l'altra, in questo paese.
Mi tocca gasare le mosche per avere una qualche soddisfazione nella difesa attiva del territorio.
Per il resto, a volte verrebbe voglia di nemmeno parlarne più, della politica.
O di gasarsi da soli, una volta per tutte.
Vado a tentare una rianimazione bocca a bocca della mosca: forse riesco ancora a dare una svolta alla giornata e a mantenere intatta la fine del plot moscaiolo.

Nessun commento:

Posta un commento