giovedì 17 novembre 2011

Un default di classe

Lo so, è dura da dire dopo anni di bunga-bunga, ditoni e bambole da pettinare, ma fa piacere leggere le civili dichiarazioni a caldo dei nuovi ministri.
Non cambierà la sostanza, sempre di prepararsi a una passata di lubrificante si tratta, ma anche lo stile ha un suo perché.
C'è un non indifferente cambio di linguaggio, intanto, e non mi pare cosa da poco.
Se ne sentiva l'urgenza, altro che spread!
Se poi default dev'essere, almeno si presenta come un default distinto e brizzolato il giusto.
O no?
Già leggo in giro chi affila i coltelli e mi chiedo se rilassarsi paia brutto.
Per me, avrei deciso di risparmiare qualche cartuccia così da averne a sufficienza quando serviranno.
Per ora, mi voglio godere la piacevole assenza di grugniti leghisti, bofonchiamenti da scoglio e corna idiote nelle foto ufficiali.

Mi sembra quasi di vivere in un paese normale dopo una vita passata fra pagliacci, culi al vento e rozzi briganti.

8 commenti:

  1. Sottoscrivo tutto! Ero curiosa di sapere come la pensavi. Lasciamoli lavorare - pur stando attenti - e vediamo come si comportano. Ma devo dire che vedere ieri quegli uomini e quelle donne trasmettere quella sensazione di sobrietà e compostezza dopo anni di bunga bunga e dito medio mi ha dato un gran senso di relax. Ora vedremo... di sicuro saranno meno peggio di quegli scalzacani di prima.

    RispondiElimina
  2. Bravissima, sapevo che ce lo avresti detto, e mi piace anche il tono elegante del tuo testo.
    Anche in me c'è il timore, leggi certezza, che non ci saranno lati politici non molto piacevoli nascosti , ma essere guidati da persone che con "eleganza" non ti facciano sentire che il tuo paese è guidata da "stranieri" venuti ad insultarti ogni minuto con la loro presenza volgare e ringhiosa, mi sembra un gran regalo e una gratificazione per un popolo leader nel campo artistico e culturale, quale quello italiano.
    Al parogone con quei "quattro" boriosi cafoni e spocchiosi europei, sono sicura che saremo degni di farci valere per la nostra finezza e il nostro valore. Riguadagneremo la nostra dignità che sarà apprezzata da tutti sicuramente.
    Enjoy the moment, my dear Ross, we deserve that!
    Just a hug
    Cle

    RispondiElimina
  3. Ilaria
    Peggio dei banditi visti in questi lunghi anni è difficile vederne: volgari, inetti e bugiardi all'ennesima potenza.
    Mi auguro sapremo resistere (ora sì) alla tentazione di dare altro spazio ai brontolamenti di pancia che continuano a produrre, a non considerare degne di essere commentate cazzate tipo "sospensione della democrazia" detto da chi nemmeno sa cosa la democrazia sia o dove stia di casa.
    Se una cosa dice, questo governo tecnico, è il fallimento totale, su tutti fronti, di un'intera classe politica. A destra ma anche a sinistra.
    Si parli delle cose da fare e si concentri la nostra attenzione nel vigilare che siano fatte con vera equità e rispetto della Costituzione.
    Basterebbe, visto ciò che ci attende tutti.

    Cle
    Vero: ai signori d'Europa ( ma non a tutti) abbiamo sempre dato lezioni di stile, arte, architettura, letteratura, teatro e anche di politica, in passato. Ora forse qualcuna possiamo prenderla da loro però, imparando l'importanza di essere cittadini, prima che gossipari. A batterci per difendere i nostri diritti civili, a ragionare nel merito di scelte e strategie opportune e dignitose per tutti per riportare il Paese intero a una maggiore consapevolezza di cosa sia uno stato laico e democratico.
    Cosa che richiede fin da subito il recupero di una obiettività di giudizio focalizzata sui fatti, sui percorsi e sul rispetto delle regole.
    Poi, per dire subito un Paese che ha teste che hanno qualcosa da dire e sanno dirlo con intelligenza e efficacia, ho trovato stamattina questa news di cui non sapevo niente.
    Tutta italiana la campagna pubblicitaria di cui si parla anche Foreign Policy
    Un abbraccione anche a te e sì, ci meritiamo una riscoperta di un po' di Italian-style...

    RispondiElimina
  4. Come va? Va meglio?
    Io mi sento un po' più a mio agio, anche se "l'amico nostro" fa il vecchio leone sconfitto che non si lecca le ferite in pubblico, ma emette ruggiti che sembbrano ragli e grugniti. Chi vivrà vedrà!
    A proposito del buon gusto che esportiamo con la pubblicità, grazie per avermelo segnalato, conoscevo la notizia ma non mi ero ancora deliziata con le bellissime schifezza che grazie alla tecnica moderna i pubblicitari ( razza dannata), sono riusciti a fare.
    Secondo me non ci si deve soffermare solo a considerazioni sugli effetti delle immagini, ma alla causa che le hanno determinate. Quando il linguaggio scurrile, la mancanza di stile, il malcostume e la perdita della dignità dei punti di riferimento è imperante, ecco gli effetti. La pubblicità è una brutta bestia, deve attrarre le fasce più vulnerabili, e cosa c'è di più attraente per loro, di immagini come quelle.
    Buona Giornata Ross
    un abbraccio
    Cle

    RispondiElimina
  5. Uhmmmmmmmm... in questo momento sto ascoltando Veltroni (per il quale non ho mai provato alcuna simpatia, anzi... lo destesto!) celebrare in modo sperticato il governo Monti, dire che era il governo che lui da anni voleva (??????????). QUESTO NON MI PIACE. Inoltre si vocifera già di privatizzazioni e liberalizzazioni a iosa da parte del nuovo governo. E neanche questo mi piace. E inoltre Berlu e la sua "maggioranza" (comunque sia messa) son sempre lì. In sostanza io continuo a chiedermi disperatamente (da anni, come sai) dov'è il PD, dov'è il centrosinistra in questa nostra Italia. Ora ho l'impressione che questi "senza nerbo" si stiano adagiando sul nuovo governo sperando di appoggiarsi su di lui e ciao (vedi Bersani, biglietto di Letta a Monti ecc.). Ma stiamo scherzando?

    RispondiElimina
  6. O.T. Ross, non so se sai cosa sta succedendo su splinder. Ci siamo trasferiti tutti per salvare i nostri blog. Tu ora sei passata qui ma se c'è qualcosa che vuoi salvare del tuo blog di prima, salvalo :-)

    RispondiElimina
  7. Ilaria
    Tempismo perfetto: mentre scrivevo il nuovo post tu scrivevi più o meno ciò che penso commentando qui.
    Ti rispondo quindi con alcune parole del nuovo post: questa (intera) classe politica, si rivela (con certificazione) per ciò che è: il nulla con un po' di merda intorno.
    Il rispolvero di Veltroni è indicativo: un vero esperto in fuffologia.
    Monti non è, alla fine, che la manifestazione di questo nulla: lo prova l'adesione massiccia (con il voto) e quel non considerare che per tattica, possibili elezioni.
    Sanno bene che avremmo tutti disertato le urne, vista la mandria di buoi buoni solo a ruminare e veloci a tirare il culo indietro se c'è all'orizzonte una responsabilità da prendersi.
    Chi voteresti, oggi?
    Sinceramente.
    Io, con molte riserve, forse Di Pietro.
    E' l'unico che in Parlamento non ha mai fatto sconti.
    Ma non ha lo spessore politico né una visione globale di un futuro diverso dal presente.
    Quindi non basta. E sono stanca di votare tappandomi il naso e gli occhi.
    Vero è che non stanno scherzando.
    Non hanno mai scherzato.
    Per scherzare, serve intelligenza.
    E non ne vedo...

    O.T. - So ciò che succede su Splinder, e mi dispiace molto: prima casa e, per molti aspetti, forse più alla mano e divertente di questa.
    E' che allora, quando ho aperto qui, non sopportavo più di impazzire a ogni post per le mille difficoltà tecniche.
    Non so se ho voglia di salvare qualcosa, me lo chiedo da giorni e...boh?
    Forse me ne pentirò, anzi, sicuramente me ne pentirò.
    Ma al momento non vedo cosa salvare, sono solo ruminamenti personali, alla fine.
    Mi spiace più per i commenti, se devo essere sincera.
    Alla lunga, capisco che a fare la sostanza, in ogni post, sono più i commenti che seguono del testo scritto.
    Magari mi copio/incollo quelli e me li salvo per rileggerli in vecchiaia.
    Che dici?

    RispondiElimina
  8. Già, mentre io scrivevo il commento tu scrivevi il post... Concordiamo, ma che brutta situazione però.
    Sul blog, anche a me dava fastidio perdere i commenti (più che i post, che comunque li avevo già in word). Io l'ho trasferito su wordpress ma perché intendo scriverci ancora su, se fossi nel tuo caso non penso che mi prenderei la briga di fare tutto il trasferimento ma andrei a copiarmi in word solo i post con i commenti più significativi. Comunque se ti interessa il trasferimento da splinder a wp c'è questo tutorial che spiega tutto, è davvero una procedura semplicissima (http://cazzeggiolibero.wordpress.com/info/), se hai bisogno poi puoi chiedere a me che ormai sono esperta :-) A me lo splinder dei bei tempi andati piaceva perché dava un senso di comunità che su blogspot o wordpress per me non esiste (o sono io che non la vedo). Ma tutto finisce e va bene così.

    RispondiElimina