sabato 3 dicembre 2011

Cheek-to-cheek sul Titanic

“Oggi in Europa c’è l’appuntamento con il destino: la salvezza non arriva dalla finanza ma dalla politica. Ma la politica non può fare errori” Anche perché “è come sul Titanic: non si salvano neanche i passeggeri in prima classe”, ha detto Tremonti a metà luglio di quest'anno.

Secondo me Tremonti non ha visto il film: Jack, il bello ma sfigato, muore.  
Mentre Rose, tenerona idealista ma passeggera di prima classe, si salva.
Sarà un caso, ma pure il fetentone che incastra Jack infilandogli in tasca la collana, si salva.
Si salva con l'inganno, va da sè.
Capita spesso di essere ingannati dai fetentoni di prima classe.
Un caso?
Solo chi affonda, perde.
Senza star lì a parlare di inganni e/o ideali.
Se ti salvi, te ne fotti degli ideali.
Incitano al sacrificio i passeggeri, gli steward di bordo.
Spesso, il "sacrificio" è quell'illusione con la quale si spinge la ciurma a tirare avanti sapendo che affondare o salvarsi è, nel 99% dei casi, questione di classe sociale, oltre che di culo.
Ma affondare, si affonda, se si fa affidamento sul solo culo.
Oggi leggevo che il bon ton Monti andrà da Vespa a presentare la Finanziaria.
Molto sobria, come scelta.
Una novità, rispetto al governo B.
Un vero tocco di prima classe.
Peccato che la scelta faccia a pugni con il ruolo istituzionale e il completo grigio brizzolato.
Basta la parola del Capitano con certificazione di autenticità da Vespa, per dirsi salvi?
Certo, per ora siamo nella stiva e l'acqua sta salendo: forse ce la faremo e forse no.
Diciamo che ci si prova.
Mi urta un po' (tanto) che il Capitano informi sull'uso delle scialuppe di salvataggio disponibili solo i teledipendenti di seconda classe.
La prima, si sa, ha la scialuppa assicurata: se assiste allo spettacolo sarà solo per una forma di etichetta.
La terza, come dicevamo, è imprigionata nella stiva e trova ormai solo cancelli sbarrati.
La seconda sta lì, forse sì e forse no.
Sperano, quelli di seconda classe, che dicendo quanto è buono il Capitano, quanto è chic il Capitano, quanto è bravo che va da Vespa il Capitano, alla fine avrà per loro un occhio di riguardo.
Ecco, noi della terza classe intanto sognamo l'amore e cerchiamo la poesia in un ultimo bacio.
Sono i nostri ultimi momenti.
Perché dovremmo stare a sentire il Capitano che parla ai teledipendenti quando ci restano giusto un ultimo bacio e la speranza in un colpo di culo?
E a proposito di culo: fanculo lo spread...
Mai avuto interesse: perché dovrei seguirne gli alti e bassi, adesso, ora per ora, neanche fosse il Festival di Sanremo che non guardo da anni comunque?
Mica ho titoli, btp, bot, lingottini, riserve in Svizzera o terze case da salvare.
Se affonderò, voglio farlo cantando mentre mi inabisso.
Voglio affondare su un ultimo bacio continuando a ballare cheek-to-cheek mentre l'orchestra suona ...there's nothing I fear, And I know that my heart will go on ...
Almeno affondare con stile e passione, perdìo!

Nessun commento:

Posta un commento