domenica 5 agosto 2012

Droni, dei senza Dio


Un bel cielo geometrico ridefinisce meglio anche l'anima più pia.
Scie su scie, così che il piovere o non piovere è decisione dronica, pervicacemente militare.
La follia non ha confini, doma senza posa cieli e terre e mari.
 Li reinventa così da farli obbedienti a suon di disciplina e leggi marziali.
Dio rimane la medicina per cuori romantici, la sempre efficace promessa di una liberazione postuma che fa cantare nelle chiese per decreto, così che le anime siano estirpate dalla memoria senza bisogno di dispendiose fruste.

Piegato anche il cielo fin dentro l'anima, l'erba è verde se garba al Drone, il dio della pioggia sperimentale e rigorosamente programmata.

Non oso immaginare l'ira celeste, quando esploderà.

8 commenti:

  1. Non crederai mica alle scie chimiche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, figurati!
      Sono certa che le rotte degli arei di linea sono perfettamente grigliate, e che ogni bravo pilota provvede a rilasciare quotidianamente le sue brave scie di condensa avendo cura di seguire dritti il tracciato, così che noi possiamo verificarne la perizia e documentarla con foto come quella postata...

      Elimina
    2. Ilaria, battutacce a parte, leggi ai link postati in questo post.
      Che stiano manipolando il clima lo dicono "loro", vi sonop migliaia di documenti ufficiali a dirlo chiaramente.
      Poi basta guardare il cielo frequentemente e provare a darsi risposte coerenti, con ciò che si osserva.

      Elimina
  2. Sì ho letto ma, non so... A queste teorie complottistiche già non ci ho mai creduto di mio. Ora poi mi sono presa una cotta per un uomo meraviglioso che fa parte del Cicap. In questo momento non posso credere alle scie chimiche!

    RispondiElimina
  3. Una cotta ricambiata, intendo, non una generica ammirazione a senso unico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore, non è forse il complotto dei complotti?
      Chissà come la mette il Cicap con l'indimostrabilità scientifica delle cotte "binarie".
      Se crede al sentimento, pur senza prove tangibili, documentate e ripetibili, forse è un Cicap recuperabile.

      Se però inizia a chiederti "prove scientifiche", stai in campana: un Cicap non è certo nemmeno del battito del tuo cuore, a meno di vederlo registrato su un monitor con prova in doppio cieco...
      Scherzi a parte, è una bella notizia...

      Elimina
  4. No no, è un Cicap romantico... figurati che durante il nostro primo bacio quando io me ne sono uscita con una cavolata delle mie e cioè: "Ma com'è possibile che ci stiamo innamorando?" (proprio una frase intelligente per un Primo Appuntamento! E non l'ho detta con tono retorico, ma proprio con un autentico stupore) il Cicap si è messo a ridere e ha detto: "Almeno in queste cose non c'è razionalità che tenga, la scienza non può spiegare i sentimenti, va bene così". Va a finire che sono più Cicap io di lui XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale "Cicap romantico"?
      Scusa se mi permetto, ma un Cicap che in queste circostanze cruciali risponde "Sui sentimenti non c'è razionalità che tenga", a me sembra un Cicap troppo interessato per essere scientificamente obiettivo.
      Insomma, occhio!
      In questo, non c'è santo: sicuramente tu (in quanto donna, e quindi con migliori sensori attivi), sei più Cicap di lui...

      Elimina