mercoledì 5 settembre 2012

Gebirge's philosophy

Mentre ieri sera mi divertivo a scrivere di incantesimi, principi e metamorfosi varie pensavo: "Forse non dovrei pubblicare questa roba, visto che mi capisco solo io. Chi legge penserà che do i numeri, che sono fuori, che mi avventuro troppo sul fantastico...".
Ero tentata di eliminare il post, lo confesso.
Senonché, qui vale una regola: anche chi commenta ha dei diritti.
Così il caro amico Scaini, commentando più veloce della luce, mi ha fermato da un click forse troppo precipitoso.

Perché poi mi capita, sempre più spesso, di leggere roba come questa:

"E’ vero che la “ripresa non la si vede nei numeri, ma io invito a constatare che la ripresa, se riflettiamo un attimo, è dentro di noi ed è una cosa che adesso è alla portata del nostro paese e credo anche che arriverà presto”. Ad assicurarlo è il presidente del Consiglio Mario Monti in un’intervista al direttore del Tg Norba 24 Enzo Magistà che verrà mandata in onda integralmente nel pomeriggio. "

Mi chiedo chi gli scriva i copioni, se ha dei problemi con l'audio in cuffia, se è così di suo o se non sia vittima di un pusher con uno sfrenato senso dell'umorismo.

Perché, davvero: sarebbe questo l'uomo in grigio e aplomb che ci avrebbe ridato un'immagine di credibilità a livello internazionale?

Se mangia come parla, c'è da credere che possa trattarsi di intossicazione neuronale da cadaverina, viste le quantità non indifferenti di carne da macello di cui pare si nutra.

Poi, la ripresa che è dentro di noi, è da ricovero coatto. 
Cos'è, economia metafisica?
Economia psicanalitica?
Ci è, o ci fa?

7 commenti:

  1. C'è poco da fare: irradi speranza anche quando rifai pazientemente l'orlo alle sbrindellate esternazioni dei politici (che vorrebbero improvisarsi poeti, per non perdere l'odiens).
    Perché dico questo? Ma perché, con quell'allusione alla cadaverina -- e lo scrupoloso rimando documentale a wiki -- mi hai fatto riflettere sul fatto che il povero Monti, provvisto in quantità doppia rispetto, che so, a una Merkel qualunque, di questa sostanza in virtù dei suoi ... attributi riproduttivi ed ecologici, rappresenta (sempre senza bisogno di voti) una conferma della necessità vitale di tale sostanza, della sia 'sostenibilità'. Ecocompatibile, più che economica, certo, ma è pur sempre uno spiraglio aperto sulla verità delle cose. E per un politico, nemmeno eletto, bisogna ammettere che è un gran passo. Rivoluzionario, quasi.

    Con viva simpatia, marilù (alias passante ammaliata).

    RispondiElimina
  2. all'inizio ho pensato ad alchimia, numerologia, filosofia, ossia la ripresa insita dentro di noi, continuando a leggere ho apprezzato la fine ironia con cui descrivi le trovate di Monti, devo dire che a volte mi richiamano un po' "il trota", del tipo:ho mangiato mozzarella in carrozza- risposta.-ma non potevi mangiare più comodo?

    RispondiElimina
  3. Una "ripresa" di polverina bianca, avrà visto il pover'uomo, ché a Milano ne gira parecchia, anche dalle parti della Bocconi...

    RispondiElimina
  4. Mi ha fatto pensare al "Quelo" di Corrado Guzzanti quando diceva "la risposta è dentro di te. Solo che è quella sbagliata" ;))

    E comunque -ahinoi- se ne dicono e se ne sono dette anche di peggiori...;(
    (Il che,oltre allo stato di decerebralizzazione di chi scrive tali amene nefandezze,indica anche la considerazione che si ha per l'attenzione e l'intelligenza dell'uditorio: che definire offensiva è poco)

    RispondiElimina
  5. Io ho ripensato ad una vecchia vignetta, credo di Staino, dove il marito si alza dalla poltrona esclamando "Ho ritrovato le mie vecchie tensioni ideali" e la moglie che lo guarda arcigna e gli chiede "come si chiama la puttanella?"

    RispondiElimina
  6. Passante ammaliata (oh, Marilù...)
    Vero che la "cadaverina" è pur sempre indice di vita, ma che ce ne facciamo? Concime? Ci tiriamo su vermi in seno?

    Ecco, vi sono elementi che devono stare in un giusto equilibrio, per garantire la vita.
    Nel piccolo e nel grande.
    Nell'uomo e nella società.
    Il bello è che, se non fosse tragico, sarebbe l'ideale come capocomico nella compagnia di giro di cui fa parte.
    Dopo l'avanspettacolo, è ora in scena Mortisia...

    Questo andrebbe ricoperto con qualche spalata di calce viva, per disattivarlo.

    Però...Marilù...
    Ma chi ti ha dato un nome così bello?
    Non si può dirlo senza aver voglia di cantare.
    (grazie)

    Alessandra
    "alchimia, numerologia, filosofia"
    Figurati.
    Fossimo nel campo fattucchiere&incantesimi, ci potrebbero anche stare alchimia, numerologia, filosofia.
    Ma qui siamo ai numeri.
    Nel senso di darli.
    Senza peraltro beccare mai nè un terno, nè un ambo, nè un estratto.
    Niente!
    Il Trota, dici bene: non fosse che dalla stessa area geografica vengono menti sopraffine, mi verrebbe da azzardare un local-imprinting.
    (bentornata, grazie)

    mscaini
    hmmm...dubito si tratti di quello.
    Di solito l'effetto narcosi dissociativa è più caratteristica di certi cannoni di roba mal coltivata.
    Mi chiedo: ma andrà a farseli nascosto nelle toilette di Cernobbio durante la ricreazione?

    leira
    Leira, Leira, Leira...
    Mi hai riconciliato con il mondo.
    Chi altri poteva individuare con così puntuale precisione la matrice da cui deriva la copia?
    Eccerto! E' lui, "Quelo".
    Lui, lui, lui...
    Cioè questo qui
    "La risposta è dentro di te...epperò...è sbagliata!"

    Non è "offensivo"; è tragico.
    Tragico.

    ConteMax
    Siamo lì, cioè alle vecchie ciabatte ringalluzzite dai loro deliri senili.
    Il guaio è che non si sa più come internarli.
    Capisci perché la pensione dovrebbe essere obbligatoria per tutti allo scadere dei 60?
    Oltre, se ti va bene hai ancora vent'anni di vita. Se ti va male, sono dolori per tutti.
    Il rischio di tracolli verticali è sempre dietro l'angolo, dopo una certa età...

    RispondiElimina
  7. Non potrei essere più in armonia che con con le tue ultime considerazioni. Però, ecco, non offendiamo la povera e amabile Mortisia solo perché non è (ancora) del tutto reale: Roger Ra(b)bit docet.
    Grazie a te di nuovo e di tutto, anche della risposta: mi allontano a passo di danza, tra un "ma" e un "lù" che (ri)mano nella mano beati con Scubidù (quello di Sergio Caputo, of course).
    Felice week-end anche a te.
    marilù.

    RispondiElimina