venerdì 23 agosto 2013

Le top ten dell'orrore

"L'uso di armi chimiche in Siria, se accertato, costituirebbe un "crimine contro l'umanita'" che avrebbe "gravi conseguenze per i responsabili". Lo ha dichiarato a Seul il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon."
Giusto per sapere: facciamo le classifiche sui mezzi più umani per attuare uno sterminio?
Intendo: massacrare gli irakeni con armi all'uranio impoverito e il tiro al piccione, lasciando sul terreno oltre ai morti (che morti rimangono tanto quanto quelli uccisi da Saddam con le armi chimiche sui curdi), quintali di polveri radioattive, che di conseguenze ne lasciano per un tot di anni a venire, è meno criminale del massacro al gas nervino odierno in Siria quindi nessuna grave conseguenza per i responsabili?

A volte, leggendo queste dichiarazioni, mi prende un sentimento di rabbia mista a sconforto.

Che poi, ma di quali gravi conseguenze parla?
Ne esiste una, di conseguenza, che possa in qualche modo pareggiare i conti con la mattanza sistematica operata da Nato&Co in ogni angolo del pianeta?

Ma si impiccassero...

2 commenti:

  1. Sicuramente ne esiste -- me ne viene in mente -- almeno una, ma preferisco non pensarci, oltre che non parlarne. Anche perché contribuire ai premi di produzione dei colleghi di Snowden mi sembrerebbe molto poco sportivo, dopo che l'impiccione viaggiatore si è squagliato sotto il sole dei Caraibi, su un volo aeroflot.
    Ssssh...ampo, direbbe Gaber.
    Buonanotte, dico io, ma sul serio e a te, Ross...ella. Domani è un altro giorno, ed è già tanto.
    Con affetto, marilù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonanotte e...buona domenica, Marilù.
      Ross-ana.

      Elimina