giovedì 6 marzo 2014

In God We Trust


"Libertà è sempre la libertà di dissentire", diceva Rosa Luxemburg 
la rivoluzionaria tedesca di origini polacche di cui ricorreva ieri l'anniversario della nascita - 5 marzo 1871.
Oggi chi dissente o è "fuori dalla storia", o è un terrorista.
Mi par di sentire stamattina in arrivo (ché i mantra nascono a monte ma velocemente scendono a valle), un "Sei fuori dalla storia" sibilato dalla libertaria Camusso ai terroristi Fiom. 
Con "fuori dalla storia", si intende ovviamente fuori dalla storia che si sta riscrivendo or ora e il cui canovaccio è già deciso da tempo a Bruxelles e Washington.
Il resto non conta, There Is Only Two Options: o ci si adegua, o ci si adegua.
Il mondo si appresta ad essere più libero di quanto sia forse mai stato: niente dissensi, piena libertà a tutti tranne a chi non la merita.
Perché, quando si parla di libertà, si parla appunto di una delle condizioni umane più ambite, mica di una cosa che si può concedere a chiunque la chieda.
Costa, ovvio. 
Come costa ogni cosa di qualche valore: si paga, e si paga caro. 
Credit Card Only. No cash admitted.
Bisogna guadagnarsela col sudore della fronte, la Libertà. 
E rendicontarla. 
Niente abusivi e niente evasori esentasse.
No?
In sconto, a titolo premio fedeltà per chi ha raccolto tutti i bollini, c'è l'evirazione scientifica di ogni singolo pensiero autonomo.
La Libertà arriva prima per chi sta bene in fila.
Leggevo ieri di questi bambini nati senza cervello nello Stato di Washington. 
Cosa strana, impossibile da pensare per chi come noi terroristi di cervello ne ha ancora almeno mezzo. 
Tranne che il mio primo pensiero è stato:" Primi esperimenti di robotica sub-umana?".
Diciamocelo, che sarà mai 'sto cervello? 
A che servirà mai, nel pianeta dove c'è chi già pensa al posto tuo (ed è profumatamente pagato per questo, essendo appunto compito gravoso quant'altri mai), sollevandoti così da quell'ingrata responsabilità di dover prendere decisioni non solo per te stesso e la tua miserabile odierna vita, ma per quella futura che ti ostini a voler vedere nei tuoi figli, nei tuoi nipoti, in quei bambini di tutti che vedi giocare al parco o che ti rompono puntualmente le scatole alle casse del supermercato? 
Quanto non sarebbe più comodo, più logico, più funzionale al mondo che gira in un'unica direzione, l'essere liberati dall'organo meno utile di tutti?
In fondo, ogni altro è oggi sostituibile, riparabile, interscambiabile. 
Insomma, tutti gli altri sono organi duttili, non dissidenti, non terroristi.
Quello, che rimane invece il più rognoso da gestire, niente, non ne vuol sapere di funzionare se non sta nella testa dentro la quale nasce.
Così, hoplà, ecco che magari ti fanno un esperimento scientifico di quelli da Nobel un tanto al chilo, e ti fanno già nascere senza quell'orpello che tanti dolori causerebbe alla tua funzionale esistenza futura e tante spese costerebbe all'anti-terrorismo per renderlo adatto a stare dentro, alla storia.
Che poi, chi era mai questa Rosa Luxemburg?
Era di un altro mondo, di un'altra storia ormai sepolta e quindi inservibile, una di quegli umani dissenzienti che tanti danni hanno provocato allo scorrere liscio del potere dall'alto verso il basso come dev'essere, come sarà, come è giusto che sia e come dovrebbe esser sempre stato.
Non è forse la piramide scritta in quel meraviglioso pezzo di carta verde che i dissidenti vogliono da un po' veder crollare?
Sarà ben giusto liberarsene, punirli, discreditarli, questi infidi demoni dissidenti e pure terroristi. 
No?
Esiste una sola libertà. 
Una, unica e sola: quella concessa dalla piramide sopra la quale (non a caso) sta scritto: 
In God We Trust
Con tanti saluti e tanti cari auguri a Landini.
E' finita, arrenditi: sei circondato!
Cedi all'Unica Libertà in cui They Trust quel pensiero che ancora ti ostacola dal raggiungimento di una Pace acefala ma felice.

7 commenti:

  1. "Based on what I am seeing via atomic spectroscopy analysis of all the dietary substances people are consuming on a daily basis, I must now announce that the battle for humanity is nearly lost. The food supply appears to be INTENTIONALLY designed to end human life rather than nourish it". Questa è la ferma convinzione di Mike Adams, al cui allarmato reportage tu rimandi con un link nel tuo articolo. A me però sembra che lui veda un'intenzionalità stragista lì dove è probabile ci sia solo banale e devastante imprevidenza, cresciuta all'ombra di una corsa sfrenata al profitto che è un po' come quella del criceto sulla ruota, con la paura della morte a fare da gabbia, per i managers della Monsanto come per Landini, e per noi due che ci scriviamo attraverso la Rete.

    O sennò vorrà dire che non abbiamo altra scelta che fare scorta di agguerritissime manguste e andare a caccia di questi rettiliani del menga. A cominciare da quella Luxembourg dell'altro mondo o comesichiama.
    Ciao Ross anti-Trust, con affetto, marilù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non intendevo entrare nel merito delle oscure ragioni che hanno portato alla nascita di questi bambini. Tantomeno intendo entrare nel merito del fitto marasma dell'industria alimentare, specie americana. E' troppo anche per un'amante del complottismo quale io immagino di essere per darmi ragione di troppe cose inquietanti.
      Rimane il fatto in sé, e mi viene meglio farci della scicca ironia che farmi coinvolgere dagli studi di Mike Adams su tutte le nefandezze che ingoiamo, per quanto attenti a evitarne molte.
      L'idea di manguste a caccia di rettiliani però mi seduce: dove le vendono 'ste delizie giustiziere?
      Però, dai, alla comesichiama rimango culturalemnte affezionata, non voglio proprio rinunciare alle mie icone giovanili né (povera) darle la caccia (alla memoria) come la darei ai rettiliani di cui non so nulla e dei quali tendo però a volerne sapere, giusto così, per curiosità da complottista a tempo pieno.
      Un abbraccione, i tuoi commenti mi gasano per la notevole dose di stimolante creativtà cui puntualmente mi inducono.
      (sui rettiliani sarei perfino pronta a sfornare un post perfino più delirante di quello sopra, sappilo...e preparati...)

      Elimina
  2. Mi son qui, non schiodo: dritta in garritta come un fuso. Oddio, qualche colpo della strega, ogni tanto, mi spiegazza un po'. Ma è l'età, l'animo per parte sua è indomito: semper fidelis.....
    Abbraccione ricambiato, marilù.

    P.S.: le manguste, brave ragazze con denti a sciabola, non sono in vendita. C'è solo da sperare che non siano in estinzione, con tutti gli estintori che circolano. Ma questa è un'altra storia. Alla prossima!

    RispondiElimina
  3. :-) [ma anche GOLDman Sachs...]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O anche: If "They GoLdman&Sachs>We Sax&Violins".
      E vinciamo noi...

      Elimina