lunedì 24 marzo 2014

Veneto...Libero?

La premessa è che sono veneta e del referendum promosso dal sito Plebiscito.eu per l'Indipendenza del Veneto, non ho saputo niente fino a 2 giorni fa.
Il che non dimostra niente più del fatto che, nonostante mi ritenga mediamente ben informata sui fatti del mondo, può essere che per qualche oscuro gioco del destino non sia mai incappata, nemmeno per sbaglio, nella notizia (e non me ne dolgo).

Detto questo, ho provveduto stamattina a mettermi in pari, visto che 2 milioni 102 mila Sì all'Indipendenza del Veneto sono numeri che sarebbe sciocco ignorare.

E i numeri (tratti da questo video) sono:

- Voti validi: 2.360.235
- Sì = 2. 102.969
- No = 257.266

Gli abitanti del Veneto sono 4 milioni 936 mila (dato disponibile al 2010).
Fatti due conti molto a spanne, ha votato Sì all'Indipendenza del Veneto poco meno del 45% dei veneti.

E' credibile? Non lo so.

A farmi un strano effetto sono i dati sui referendum collegati:
- per restare nella NATO hanno votato Sì 477 mila (No 263 mila)
- per restare nell'Unione Europea hanno votato Sì 464 mila (No 369 mila)
- per restare nell'€ hanno votato Si 472 mila(No 447 mila)

Meno di un quarto (circa) di chi ha votato per l'Indipendenza del Veneto ha votato anche per i 3 quesiti collegati e decisivi, se si parla di indipendenza. Votare Sì per restare nell'UE, nell'€ e nella Nato, denota una certa confusione geo-politica di fondo.

E l'altro milione e mezzo di votanti? E' d'accordo? Lascerà fare "ai capi"?
Eppure si tratta di aspetti cruciali. 
O no?

Alcuni dubbi a caldo:
Intendono "Indipendenti" nel senso di Repubblica Autonoma Veneta (sintesi fantasiosa della blogger), cioè non più parte della Repubblica Italiana, ma esattamente come quest'ultima vincolata alle politiche economiche dell'Unione Europea e favorevoli alle occupazioni militari della Nato?

Strana idea di "Veneto...Libero!", hanno quelli che gridano in piazza a Treviso nel video sopra.

Eletto anche il Consiglio dei Dieci (delegati per l'Indipendenza del Veneto, se ho capito bene). 
Scontati i nomi di indipendentisti della prima ora da anni impegnati sul Fronte Serenissimo (altra sintesi fantasiosa della blogger), spunta un nome di cui non so niente: Ludovico Pizzati, nel video linkato in un'intervista a La Voce della Russia.
Curiosa, cerco di questo Ludovico Pizzatti qualche notizia in rete.
E trovo questa: 
Venice “Independence” Referendum an Internet Stunt by Reactionaries Who Hate Southern Italy; Boss of Op Is Georgetown Graduate Ludovico Pizzati, Veteran of 8 Years at World Bank Enforcing Austerity on Eastern Europe; Financing of Well-Heeled Operation Murky; Fits with CIA Campaign for Micro-States and Mini-States
Sia chiaro che sto solo cercando di capirci qualcosa e non so nulla tranne quello che riesco a trovare in rete.
E però, è abbastanza da consigliarmi di iniziare a chiedere asilo politico alla vicina Svizzera.
Perché, nonostante abbia un'infanzia di cene in famiglia a base di poenta e pésse, tutte terminate cantando E Viva Venezia, e Viva San Marco, E Viva le glorie del nostro Lèon (e dopo un 2013 passato a rileggere la gloriosa millenaria storia della Repubblica Serenissima, davanti alla quale l'intera Europa, seppur di malavoglia, si inchinava), il pensiero che vi sia qualcuno che sogna di rifarla rimanendo però schiavo dei diktat dell'Unione Europea (v. Fiscal Compact, Mes, Maastricht, Lisbona, etc.) e sottomessa serva alle testate nucleari della Nato ad Aviano, mi perplime.
Parecchio.

N.B. 
Mentre leggo che stasera a Padova i "Dieci" procederanno all'insediamento della Magistratura Politica della autoproclamata "Repubblica Veneta",  
su Internazionale una notiziola che mi conferma il sospetto di numeri farlocchi:
Pur non residente in Veneto, anch’io ho votato nel referendum per l’indipendenza nel Veneto. Venerdì – con un finto indirizzo veronese e un inesistente numero di documento – mi sono bastati meno di due minuti per ricevere online il codice necessario.
Questo la dice lunga sull’affidabilità di questo sondaggio online, gonfiato a referendum dagli organizzatori privati di plebiscito.eu. 

3 commenti:

  1. Indicativa la carriera del Pizzatti. Una pura casualità, nevvero, la sua adeguatezza al profilo che la CIA richiede per le campagne a favore di "micro" e "mini" - Stati? Risulta, chissà, una sua presenza in Kosovo, qualche tempo fa, oppure recentemente a "N€uro-Maidan"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però, attenzione: dimmi se vedendo spot come questo o questo, non vorresti anche tu vivere nella neonata Repubblica Veneta.
      Dai che cicchi e sei tentato...
      Scherzi a parte, ma chi li finanzia questi?
      Scoprire solo ora che la cosa andava avanti dal 2013 senza che me ne fosse mai arrivata notizia ha dell'incredibile: vivo in un paradiso e non me ne sono accorta...(si vedesse nei video un capannone "Affittasi" o una fetente zona industriale: manco a pagarla!)

      Elimina
  2. La Svizzera come rifugio? Eh, magari, se solo non ci fosse stato a febbraio il referendum in cui, sia pure per un'incollatura, hanno vinto gli xenofobi...in pectore.
    Bellissimo articolo, comunque.
    Ciao cara Ross, buon finesettimana, anzi no: serenissimo.
    marilù.

    RispondiElimina