domenica 1 giugno 2014

Non ascoltarli, Mr. Beale...


1. Grillo e Casaleggio hanno a mio avviso fatto un unico solo grande immenso errore: andare a farsi intervistare in tv da Vespa e dall'Annunziata, cioè dalle colonne portanti del sistema televisivo. 
Grillo e Casaleggio ora rischiano di piegarsi in un eccesso di mea culpa totalmente fuori luogo, visti gli esiti delle europee tutt'altro che infamanti, fino fare la stessa fine di Mr. Beale.


Come sapevano più che bene G&C, la tv è lo strumento di propaganda di interessi economici, quindi politici.

Che appunto non sono né di destra né di sinistra né di centro: business is business, la politica è la mano che serve in tavola il potere per poter lucrare qualcosa anche per se stessa.

Quelli che, dentro e fuori il M5S lo consigliano di adottare la logica esistente, cioè quella delle alleanze per combattere efficacemente il sistema dall'interno, della moderazione per non perdere i voti delle nonnine, del cedere sul duropurismo per abbracciare la "realtà dei fatti", non sono che vittime (inconsapevoli o meno) dello stesso sistema che da loro il pane quotidiano.

Non ha mai funzionato, il combattere da dentro.
Non una sola volta. 
L'obiettivo dei 5S non è mai stato cambiare la propria natura per conquistarsi o mantenere un voto strappato con una migliore recitazione nel ruolo del politico affidabile e moderato. 
Chi vuole portare il M5S al "potere" per cambiarlo, non ha capito che l'obiettivo dovrebbe essere quello di romperlo, il potere, non di assaltarlo.
Di demolirlo, non di lusingarlo.
Di smascherarlo, non di compiacerlo.
Qualcuno si è spaventato e vede solo come son più bravi gli altri e forse dovrebbe essere meno...molte cose, così da prendere anche i voti che ha preso Renzi?
Il Pci si fece Pds, poi Ds e infine Pd,  pur di potersi prendere anche i voti della ex Dc, dell'ex Psi, dell'ex Pri, dell'ex Pli, etc.
Le migliori teste di quei partiti (e ce n'erano parecchie più di quante ve ne siano oggi in tutto il Parlamento), se la dettero a gambe, piuttosto che farsi inglobare mentalmente dal famelico Pci delle cooperative a caccia dei voti moderati per aumentare il proprio peso sulla bilancia dei posti a disposizione nelle società pubbliche (che ottennero, così da meglio sfasciarle).
Quelli di quegli ex partiti che infatti accettarono di allearsi o confluire elettoralmente nella (ex) sinistra, furono quelli che avevano un'uguale mira al potere per i lucrosi affari che garantiva, come raccontano ancora oggi nomi stabili sulla scena fin da allora.
Alla larga dai cattivi consiglieri Mr. Beale, e avanti tutta. 

P.S.
Se la scorsa domenica avessi potuto votare per un qualsiasi partito presente nelle liste di tutta Europa, avrei votato per l'Ukip di Nigel Farage. 
Per dire...

2 commenti:

  1. Nascono incendiari e muoiono pompieri....

    RispondiElimina
  2. Già.
    Sembrano aver paura di quel fuoco, da loro stessi acceso per ripulire il campo dalle stoppie, e ora che si intravvede la possibilità di una nuova semina si buttano secchiate d'acqua in testa da soli per spegnersi...

    RispondiElimina