martedì 28 aprile 2015

Il coma virtuale

E' una legge fissa: tutto ciò che nasce, muore.
Il destino non colpisce meno le cose degli uomini (o delle piante, degli animali, delle nuvole, etc.)
A dimostrazione, mi sta morendo il Mac, entrato ufficialmente in coma depassé: respira ancora, ma affannosamente, e non risponde ad alcuna sollecitazione, ormai perso in un altro mondo, immagino quello dove vanno le anime delle cose.
Mi chiedo: ma se la vita reale ha un inizio e una fine; se per ogni cosa che vive immaginiamo un "altro mondo" dopo la sua dipartita, dove andranno le anime dei computer che tanta vita virtuale hanno vissuto accanto a noi?
Faremo un giorno un cimitero, come per i piccoli animali da compagnia, dove andremo un giorno a tumulare questi compagni di vita cui ci ha legato una sorta di affetto ibrido?
E inventeremo per questi piccoli compagni tecnologici preghiere, confessioni post-mortem, conversazioni intime fra anime che non si possono lasciare nemmeno dopo che è intervenuto l'aldilà?
Son domande oziose, va da sé.
Ma il fatto resta: come devo comportarmi con un Mac in coma?
Gli stacco la spina e lo dichiaro ufficialmente morto, oppure tento una respirazione artificiale così da prolungargli l'esistenza pur se ormai non più totalmente lucida?
Qui viene fuori uno di quei dilemmi che danno senso a tutta un'esistenza: pro-vita fino all'ultimo residuo di respiro o pro-stacco di spina?
Per me, ho capito da tempo che è inutile pensarci prima: quando (e se) arriva quel momento, a vincerla non è la razionalità binaria 0-1, o di qua o di là.
Più spesso è invece l'irrazionalità dei sentimenti, quelli cui restiamo aggrappati proprio quando sarebbe richiesta un minimo di ragionevolezza.
E però, non sono forse proprio i sentimenti a dare senso alla nostra vita?
Finirà, immagino, che tenterò ancora un respiro bocca a bocca, che cioè gl'infilerò un dispositivo esterno giusto per illudermi che ancora per un po' il Mac mi terrà compagnia.
Vedremo...
Ciò che è certo è che, morto questo, sarò sola.
Mai più un computer, visto che non posso permettermelo. E poi: che me ne faccio?
Utilissimo per alcune cose, non è che una macchina infida: pensi di usarlo, ed è invece lui ad usare te.
Meglio carta e penna: ciò che scrivi resta, e uno schedario Flex è più fedele di qualsiasi foglio excel, il quale non passa anno senza che te ne impongano un aggioranamento per cui, senza, i dati vecchi sono morti tanto quanto un Mac che non riesci più ad aggiornare e perciò un bel (grrr...) giorno ti va in coma.
E' stato bello, siamo diventati nel tempo buoni amici e, nonostante l'abbia schifato sempre perché nativa Windows, l'ho nel tempo rivalutato (ma mai amato quanto un Windows, che è stato sempre nel mio cuore casa paterna e materna).
L'ultima domanda: dove vanno le anime dei dispositivi digitali quando muoiono?
In discarica?
Siete brutali capitalisti senza cuore: usate le cose, ve ne innamorate perdutamente e poi, appena perdono il fascino del nuovo, le buttate senza pietà.

Per me, non voglio credere che la vita virtuale sia qualcosa di meno importante emotivamente della vita reale, solo è una vita diversa.
Quindi: dove si perdono le anime virtuali quando non sono più con noi?

8 commenti:

  1. partecipo di questa perdita... ho un windows agli sgoccioli.
    però me ne hanno regalato un altro, è nuovo di zecca-ultimo modello, eppure non mi decido ad abbandonare questo (con tutte la cautela che implica l'usarlo)
    ciao, Ross, un abbraccio
    cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri...Mi capisci, e non ti racconto le cautele che implica il riuscire ancora ad usare questo Mac...da panico, a volte.
      Ricambio l'abbraccio...

      Elimina
  2. Molti anni fa avevo pensato di scrivere una commedia che ipotizzava la reincarnazione anche per le macchine (da, in, a seconda....del karma!) ;)

    Al mio amatissimo Mac ho cambiato sistema operativo (opera di ringiovanimento) finché Apple non è passato al processore che ha tuttora e che non era più compatibile. Tuttavia ancora funziona (con Tiger!) e da quando ce l'ho (una quindicina d'anni) non ho mai dovuto ricorrere ad un tecnico. Mi sono adattata ad acquistare questo pc (con sistema operativo windows) con cui sto scrivendo solo perché lui poverino a far certe cose non ce la faceva più e uno nuovo costava, ahimè, troppo. Però da facilmente problemi e non lo amo affatto per una serie di ragioni. Se tu puoi ancora cambiare sistema operativo (Lion?) puoi dargli una nuova vita. :) Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Che bello rivederti qui...
      Sono a OSX 10.5 Leopard, e non mi aggiornano più. La mia (folle) idea sarebbe di dotarlo di una memoria esterna così da fargli almeno un upgrade a a Snow e da lì forse a Yosemite, il che pare sarebbe possibile.
      Ma ho le casse a secco e forse potrei farcela solo se trovo un negozio di cinesi, che con queste cose sono dei geni (per di più economici).
      Vedremo...
      Però un raccontino sulla rinascita dei Mac a nuova vita non lo vedo male: per me, sogno un computer per la vita. Magari intubato e da trattare con gentilezza da una certa età in poi, ma proprio non mi va giù di dover sostituire una macchina ogni pochi anni, mi sento tradita nella originaria fantasia del computer eterno, capisci?
      Un salutone...

      Elimina
    2. Non puoi più aggiornare Leopard, ma puoi, credo, sostituirlo con Lion. Io almeno lo feci,passando da Panther a Tiger (e da sola, cosa di cui sono molto orgogliosa :) ). Ora purtroppo dopo il passaggio di Apple a Intel non posso più andare più avanti di così, ma tu che hai un Mac che già girava con Intel, penso possa farlo. Fammi sapere, che sono curiosa! Affettuosi auguri!

      Elimina
    3. Eh, so che non mi aggiornano più Leopard, proprio da lì partono buona parte dei problemi. Da quel che so (sito Apple ma grazie anche ad alcuni forum), potrei passare prima a Snow Leopard e da quello poi a Mountain Lion e più recenti. Dovrei però prima espandere un po' la Ram (credo), portandola almeno a 4GB dai 2 attuali, per stare sul tranquillo e non far friggere tutto.
      Sto studiandomi la cosa prima di fare salti troppo acrobatici rischiando di piantarmi.
      Ti tengo sicuramente aggiornata: è così rassicurante sapere che anche tu non temi Mac in coma. Fin qui è qualcosa che ho fatto solo su Windows (una notte ho letteralmente smontato un Acer e rimontato, avanzando le 2 classiche vitine che conservo a memoria dell'atto illegale).
      Grazie per il sostegno...

      Elimina
  3. https://www.youtube.com/watch?v=c8N72t7aScY

    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dave, can you hear me Dave...
      https://www.youtube.com/watch?v=UdDt6x3-y2Q

      Elimina