giovedì 9 luglio 2015

Dopo il tornado, la devastazione

Questa foto è stata presa dal web. Chiunque ne reclami i diritti può chiedermene la rimozione immediata direttamente qui sotto o contattandomi via email accedendo dal link al profilo.

Ecco invece al link qui sotto come aiutare gli abitanti dei paesi colpiti ieri pomeriggio da un tornado che in mezz'ora di furia devastatrice ha fatto 1 morto e 73 feriti lasciando dietro di sè solo macerie di case, strade, ville e vite.

Link a Venezia Today dove trovate cc e iban vari (possibili versamenti anche con PayPal)

Chi frequenta questo blog sa che la Riviera del Brenta è "casa mia", anche se ora abito lì dove la Riviera finisce. 
Ieri, mentre questo finimondo succedeva, ero lì, a non più di 3/4 km di distanza, preoccupata dal cielo nero e dal vento impossibile che piegava gli alberi e mi faceva temere il peggio. 
Che non è capitato per quei pochi chilometri, che hanno fatto tutta la differenza.

Non so come aiutare chi non ha più un tetto sopra la testa perché quel vento a 300km orari che ieri temevo, il loro tetto se l'é portato via, in alcuni casi portandosi via anche la casa che stava sotto e sparpagliando in giro ciò che c'era dentro.
Molte le persone che sono state trovate vive e ferite sotto muri crollatigli addosso, colpite da terrazzini e cornicioni che volavano.
Alberi maestosi sradicandosi hanno sollevato l'asfalto per abbattersi poi sulle auto, quando le auto quel vento non le ha fatte proprio volare via, come nel caso della vittima, volata nel vento finché l'auto in cui si trovava si è schiantata, capovolta, ammazzandolo.

Qui sotto quel che rimane della bellissima Villa Fini (foto prima e dopo il passaggio del tornado), una delle molte bellissime Ville Venete che costeggiano la Riviera del Brenta e sono l'orgoglio e il vanto di chi ci vive.
Qui sotto la ripresa dall'alto rende meglio: la villa sembra essere stata colpita da un missile all'uranio o da una testata nucleare:è stata letteralmente polverizzata.
Un tratto della Riviera devastata con auto in canale (dopo breve volo, parecchie sono quelle trovate a galleggiare nel fiume)

E così sono ormai tante altre abitazioni sul percorso del tornado: ridotte in macerie
Il Veneto devastato non merita mai la solidarietà di nessuno, scrive Della Frattina su Il Giornale
E nemmeno titoli sui quotidiani o servizi in tv, aggiungo io. 
 
Anche un euro può bastare.
Due è meglio. 
Tre non impoveriscono nessuno e insieme ad altri tre possono sommandosi fare la differenza.

Per il Comune di Mira il codice IBAN è:

- IT30X0200836182000103826448


Per versamenti con Bollettino Postale:
- Conto Corrente Postale n° 13731302 intestato Comune di Mira - Servizio di Tesoreria - Pro Aiuti Tornado

4 commenti:

  1. Che disastro e che tragedia! Però, la prima cosa che ho pensato è stata: benedetti quei 3/4 Km di differenza! Sono egoista, lo so.
    Domanda sugli aiuti: non è che sarebbe possibile utilizzare un conto corrente postale? Lo preferisco, on-line evito quanto più possibile di far viaggiare dati sensibili e soldi.

    Anche se nei prossimi giorni so già che non mi sarà possibile recarmi alla posta, comunque in seguito mi piacerebbe proprio fare un versamento (sia pure modesto) per questo scopo. Grazie, Ross.
    Ti abbraccio, stavolta, fortissimo, con una stretta a prova di tornado.
    marilù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima...Ho contattato il Comune di Mira, quello che amo di più perché lì ha le proprie radici la blogger, per farti avere la possibilità di fare qualcosa anche con conto corrente postale:
      Eccoti le coordinate:
      - Conto corrente postale n° 13731302 - Intestato a Comune di Mira - Servizio di Tesoreria
      Grazie dell'abbraccio, che estendo per te a tutti i miei ex compaesani traumatizzati e bisognosi di aiuto

      Elimina
    2. Ricevuto e trascritto; di nuovo grazie Ross e... coraggio, a te e a tutti voi.
      Rinnovato abbraccione-one-one (a misura di territorio comunale),
      marilù.

      Elimina
  2. nel dolore dell'immane disastro, ringrazio quei pochi chilometri per cui ti sei salvata.
    cri

    RispondiElimina