lunedì 22 agosto 2016

Burocrazia o fai da te?

"Profughi, l’ufficio d’igiene è chiuso, il pronto soccorso li respinge. Il primo stop all’assistenza è la burocrazia.

A leggere il titolo del pezzo pubblicato sul FQ online viene il riflesso automatico dell'auto flagellazione all'italiana: ai profughi, "respinti" al pronto soccorso, si nega l'assistenza per questioni di "burocrazia"!!! 
Insomma, siamo un popolo di incivili che non sa fare eccezioni nemmeno di fronte al profugo stravolto dal lungo tragico viaggio e bisognoso di cure mediche urgenti.
Poi leggo:
1. che il gruppo di 10 profughi sbarca a Catania l'8 agosto proveniente da Somalia, Etiopia e Comore (paesi in guerra? sì e no: sono 25 i paesi africani in guerra: li accogliamo tutti noi?)
2. che "la Croce Rossa al momento dello sbarco, dopo aver fatto controlli di massa, scrive nel foglio di consegna che “non presentano sintomi riconducibili a malattie infettive” ma prescrive di procedere comunque alla “sorveglianza sindromica
3. che il 9 agosto i 10 sono già a Milano dove la Prefettura li affida per l'accoglienza a una cooperativa (certo sono stati molto veloci alla Croce Rossa di Catania con le procedure previste per l'identificazione: le fanno a spanne?)
4. presi in affidamento dalla cooperativa, lavati, vestiti, nutriti, gli operatori si accorgono che:
"Avevano occhi arrossati, fastidio oculare, rash cutaneo pruriginoso, diffuso a mani e tronco, calazio, ascesso da infezione sugli arti e così sentiamo il parere del medico del centro che sconsiglia assolutamente di portarli nella struttura per non mettere a rischio gli ospiti e gli operatori ma di portarli al primo Pronto pronto soccorso, dato l’Ufficio d’igiene preposto agli accertamenti necessari era chiuso”
Tralascio altri dettagli medici già spiegati dal medico intervistato. 
La vera notizia, che pare non turbare né l'operatore del centro accoglienza né chi scrive il pezzo, è che rimandati i 10 al Servizio di Igiene Pubblica aperto il giorno dopo, la mattina successiva di 10 ne sono spariti 8: puff! Volatilizzati. Non se ne sa più niente e non ci si dilunga sul dettaglio.
Lasciamo perdere la gestione dell'emergenza sanitaria, ché già il fatto che partano da Catania con un "non presentano sintomi riconducibili a malattie infettive" (non si sa come accertate, vista la velocità con cui vengono trasferiti a Milano) la dice lunga sugli accertamenti di massa
E lasciamo perdere pure quel portarli al Pronto Soccorso a piedi, se si pensava davvero che fossero in "emergenza sanitaria" (per evitare contatti con altra gente in autobus? E se ti scappavano lungo la strada, come li inseguivi? A piedi? E se erano malati da emergenza, li fai camminare sotto il sole, magari con la febbre alta?). 
Tralasciamo pure il fatto di non saper gestire l'accoglienza di 10 persone per una notte (si presentano al Pronto Soccorso alle 19 circa): non hai una stanza dove sistemarli provvisoriamente separati (per evitare eventuali contaminazioni), così da portarli il mattino seguente là dove dovresti sapere essere l'unica struttura autorizzata per questo tipo di accertamenti sanitari?

Va be', lasciamo perdere tutta la storia, tranne un dettaglio che mi pare allarmante: se erano a rischio di essere portatori di qualche patologia contagiosa (Scabbia, Tbc, ecc), come la mettiamo ora con il fatto che li avevi in affidamento e a distanza di nemmeno 24 ore "...quando l'ufficio d'igiene riapre, sono già spariti"?
Qualche responsabilità per queste fughe ce l'avrai o no? Se ti affidano 10 persone e già la mattina dopo te ne ritrovi 2, com'è che tiri su la storia del Pronto Soccorso che, cattivone, ti respinge i profughi, ma nulla hai da dire sul fatto che sono scappati? Magari con Tbc o scabbia, così forse ora tenti di scaricare il problema sul Pronto Soccorso, quasi a te non competesse nessuna responsabilità per il fatto che erano affidati alla tua custodia e non sai più dove sono?

Ogni tanto si pubblicano dati sul numero dei migranti di cui non si sa più nulla: + di 100mila, nel 2015
Paghiamo fior di quattrini per l'accoglienza dei migranti/profughi/immigrati/richiedenti asilo a cooperative così, che non sono in grado di vigilare su 10 persone senza perdersene 8.
Nessuno di quelli che sostengono l'accoglienza senza se e senza ma (ma che rendono più della droga), ha niente da dire?
Solo sui cattivoni che al Pronto Soccorso rispettano le procedure e rimandano i migranti dove devono andare, cioè al Servizio di Igiene Pubblica aperto il mattino dopo?

Siamo un paese meraviglioso: capaci di far santini con le foto posticce di bambini bambolotto (di tutti i milioni di altri che muoiono nel mondo non abbiamo foto) e di poveri "profughi" cui neghiamo un'assistenza medica che a loro non pare interessare così tanto (ma a noi invece sì).
Poi, per finirla con la confusione dei migranti, profughi, immigrati, richiedenti asilo e chi più ne ha più ne metta: questi sono clandestini (in fuga), visto che nelle poche ore di permanenza a Catania non hanno certo nemmeno iniziato le procedure previste per la richesta di asilo.
Ora saranno come minimo a Como, fra quelli che scrivono lettere per insegnarci il loro diritto ad andare in Svizzera.

Avanti così e fra un po' inizieranno a mazziarci e a prenderci a pedate. 
Non chiedetevi mai perché, chiedetevi solo quando.
Il chi lo sapete: è l'accoglienza fai da te.
Nel senso letterale del termine e rivolto a chi arriva, non certo a chi accoglie, che come fare a tirar su due palanche sul clandestino lo sa benissimo.

7 commenti:

  1. i pronto soccorso "fanno schifo "
    i pronto soccorso " sono pieni di burocrati "
    i pronto soccorso " sono fatti di incompetenti fancazzisti "
    più in generale " il servizio sanitario non funziona "
    MOLTO MEGLIO PRIVATIZZARLO !
    prima i giornaletti tipo FQ precostruiscono il consenso di massa e quando il terreno è pronto " SI PRIVATIZZA " svendendo l'apparato sociale costruito con i soldini di tutti .prima tolgono i fondi per far funzionare e poi ci lasciano dire che i servizi fanno schifo ...
    p.s. rimane da vendere ; sanita/ospedali , istruzione/scuole e per le pensioni sono gia pronti i fondi avvoltoio statunitensi.
    p.p.s. ho tralasciato la sicurezza e le carceri ma anche li si stanno adoperando affinché...

    RispondiElimina
  2. Bello e molto sensato il commento dell'anonimo/a, qui sopra.

    Poi, a pedate bisognerebbe prendere le cooperative, ma a pedate fatte a suon di multe salatissime e chiusure forzate o espropriazioni per direttissima delle strutture, per sparizioni di persone, o foss'anche di un canarino con gabbia al seguito, affidati alla loro custodia.

    Poi certo gli operatori della Croce Rossa, se i migranti (o richiedenti asilo o profughi o appassionati della 'villeggiatura estrema') si rifiutano di spogliarsi per i controlli, non possono avere la vista ai raggi X per scoprire ascessi ed eritemi che non si trovino sul viso o sulle mani. Però potrebbero avere il buon senso di costringerli a denudarsi davanti a medici e infermieri (come fanno i cattivissimi svizzeri) oppure di proporre loro, come unica scelta alternativa, un passaggio aereo gratis per la nazione di provenienza.

    Ciao Ross, grazie sempre dell'ottima informazione che fai col tuo blog.
    marilù

    RispondiElimina
  3. http://orizzonte48.blogspot.it/2015/08/perche-essi-vivono.html
    http://orizzonte48.blogspot.it/2015/11/leffetto-dunning-kruger-e-lincompetenza.html
    http://gondrano.blogspot.it/2012/09/aspetti-politici-del-pieno-impiego.html
    http://icebergfinanza.finanza.com/2016/08/24/jackson-hole-la-strage-delle-colombe/
    http://vocidallestero.it/2016/08/23/kurier-gli-effetti-devastanti-dellhartz-iv-secondo-il-sociologo-klaus-dorre/
    http://goofynomics.blogspot.it/2011/11/luscita-delleuro-redux-la-realpolitik.html
    http://ilpedante.org/post/i-moderati-sive-de-grege

    RispondiElimina
  4. http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2016/08/29/migranti-nella-giungla-di-calais-quasi-10.000-persone_d4cfe94e-26b4-4e48-8510-e519fa604f3b.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bastasse...
      http://www.analisidifesa.it/2016/08/41827/

      La domanda cui nessuno vuole rispondere è: perché?

      Eppure, volendo, le soluzioni si possono facilmente trovare, come scrive Gabrile Del Grande (se non si vuole, un perché c'é...ma non è dato saperlo...):
      http://rivoluzionevirale.blogspot.it/2016/08/abbiamo-creato-un-mostro_29.html

      Elimina
  5. https://www.rt.com/news/357678-refugees-germany-illegal-work/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La dimostrazione che quel che scrive Del Grande è la soluzione: permessi di rilasciati dalle locali ambasciate, se trovano un lavoro legale restano, altrimenti vengono rimpatriati.
      Ma non si vuole...

      Elimina