venerdì 2 dicembre 2016

No, ovvero: per l'oste il suo vino è sempre il migliore

La cosa più irritante di questo voto referendario, è il fatto che si scarichi sulle spalle degli italiani la responsabilità di decidere su una Riforma Costituzionale le cui modifiche sono talmente astruse e il cui quesito referendario è talmente incomprensbile, da costringere le persone a mettere una crocetta sul Sì o sul No con lo stesso spirito con cui tiferebbe a una partita di calcio, dove qualunque sia la ragione di chi perde, conta solo il risultato in campo.
I testi della modifica sono di così difficile comprensione, illeggibili anche per i molti costituzionalisti che li hanno esaminati, che la Signora Maria di Voghera o il Pensionato di Ladispoli finiranno a votare per sfinimento, più per liberarsi dal putrido tifo da stadio che impazza ovunque e sperando solo di veder sparire dai loro teleschermi la più noiosa e truffaldina partita che in Italia si sia mai vista, che sapendo davvero cosa stanno votando. 
Solo chi si è preso il (molto) tempo e la (molta) briga di provare a decifrare l'accozzaglia confusa di testi messi insieme con l'evidente scopo di renderli indecifrabili ai più, avrà chiare le ragioni del proprio voto.
Chiarissime invece le ragioni del Governo, non a caso sostenuto per il Sì da Confindustria, da Marchionne, da Goldman Sachs e da Schauble: questa riforma è stata chiesta proprio da J.P. Morgan e dall'Unione Europea, quindi il loro Sì a supporto del Governo risulta un po' come quello dell'oste che garantisce per la bontà del proprio vino.
Significa che è buono? Forse, ma per averne certezza ognuno di noi pretenderebbe almeno di provarlo, prima di esprimre un parere con un voto, o no?
  
Per me, un po' di tempo per provare a decifrare le astruserie della Riforma, me lo sono preso. E quel che ho letto mi ha fatta incazzare ancor p per come è scritta, oltre che per cosa è scritto.
La Costituzione non è cosa sulla quale si dovrebbe permettere di giocare a fare il "padre costituente" a dei cartoni animati.
In più, non mi fido per principio di chi mi mette fretta di dire Sì firmando qualcosa senza che mi si dia il tempo di leggere tutte le clausole truffaldine scritte in piccolo, quelle che sono quasi sempre il vero oggetto del contratto.
So che molti italiani invece, per noia, per pigrizia o per mal riposta buonafede, continuano a firmare contratti fidandosi del venditore di pignatte o dell'oste del vino buono i quali, con il sorriso a 32 denti e la simpatia del genero che tutte le mamme sognano di far maritare alla figlia, li forza alla firma infilandogli in mano una penna, così che i tribunali sono pieni di gente raggirata che si trova sul groppone rate da pagare per cose che non voleva comprare.
Ecco, credo sia questo lo spirito che dovrebbe animare gli italiani che non hanno avuto la pazienza o il tempo per leggere la Riforma proposta dal Governo: nel dubbio di aver capito cosa si firma o si vota, si posa la penna e si dice NO, non firmo e voto No (cioè mi tengo le mie vecchie pignatte e la mia vecchia Costituzione).
Nel dubbio, si vota No, "perché non ho capito".
Nel dubbio, si vota No per darsi il tempo di capire, per darsi il tempo di leggere le clausoline dementi scritte in piccolo che sono il contenuto vero della riforma.
Nel dubbio, come è buona norma diffidare di un venditore di pignatte così si come diffida dell'oste quando dice che il suo vino è il più buono, si vota No per autodifesa preventiva.
No, perché nessuna persona con un minimo di rispetto per le proprie finanze comprerebbe pignatte da un venditore perché è simpatico, o perché lo dice lui e lo dicono i suoi compagni di merende.
No.
No. No.
Basta un No.
Il No è la parola più rivoluzionaria, quella meno usata e tuttavia la sola che ci consente di proteggerci dai pignattari interessati solo ai Sì senza pensieri.
Rifiutatevi di sommarvi ai bacucchi che prima firmano, e votano, senza chiedere mai, per poi intasare i tribunali lamentando di essere stati ingannati dal venditore di pignatte che, interessato solo ai suoi affari, è passato come un carrarmato sopra ai vostri.
Difendetevi prima, non firmate in bianco, Votate No.

1 commento:

  1. Il voto si avvicina...

    Sono il meno indicato per consigliare di votare NO! Anche perché non andrò a votare (..chissà dove ho cacciato la tessera elettorale...)
    Però sono un attento osservatore...e seguo ogni tanto qualche dibattito. Questi risultano difficili e noiosi quando si entra nel tecnico/specifico, si parla di cose che come minimo ci vogliono corpose premesse. Faccio fatica credere che suddetti dibattiti siano alla portata della massa, con conseguente presa di posizione... e nella mia riluttanza di immaginare uno scontato voto alla cieca, pongo dei limiti qualitativi, al voto popolare, se quest'ultimo latita nel comprendonio...Poi l'illuminazione di comprendere che tutto sommato questo bailamme è qualcosa da imputare a chi le confuse riforme le ha imposte con un referendum...Dunque il colpevole e il Renzi, così consapevole di esser odioso che masochisticamente ammette di esserlo...e urla giustamente l'ingiustizia di un voto di pancia...

    Che le forze in campo per il NO, siano come l'acqua e l'olio, è assai singolare...quasi simpatico...ma gli obiettivi sono un presunto mantener un vago libero arbitrio...L'Italia dei franchitiratori e del voto "segreto"...ma anche chi si prodiga a rendere il popolo più presente nella politica e non ascolta la natura dei disagi tremendi di oggi...anche qui un anacronistico non capir la riluttanza di chi non vota più...

    La felicità è ben altro...quando vincerà il NO, cercherò di ricordarmelo...

    Slobbysta

    RispondiElimina