mercoledì 8 marzo 2017

Se questi sono i Doodle...

Ho appena aperto internet e subito mi ritrovo a contestarne la sempre più perversa natura.
Internet, sul mio computer, parte dalla pagina di ricerca di Google, dove stamattina troneggia il Doodle dedicato alla "giornata della donna" (con punto esclamativo finale).
La prima cosa che mi disturba è questa: non c'è una sola immagine di donna nel Doodle che non sia insieme a uno o più bambini.
Ma non è la festa della mamma. Quindi, perché questa carrellata di donne mamme?
In alcune provvede a ritrarla anche nelle vesti di donna che lavora (o fa l'aviatrice), ma in tutte sono comunque presenti dei bambini.
Domanda oziosa: ma quelli del politically correct, quelli per i quali la questione di genere è cruciale al punto da voler, in alcuni paesi, eliminare perfino dal vocabolario il genere femminile o maschile per imporre un uso esclusivo del genere neutro, perché oggi non s'incazzano?
E le femministe, niente? Nessuna reazione a questa pedante carrellata di donne che qualunque cosa facciano, qualunque sia la loro professione, sono tali sempre e comunque inquantomamme?
E le singles? E le suore? E le donne che non hanno figli? Quelle che non ne vogliono, che non se li possono permettere, non li possono avere?
Niente, per Google non sono evidentemente donne da festeggiare...

E niente da dire su queste mamme Goggle/Doodle che sono tutte solo donne?
Niente mammi, niente papi, niente Genitore 1 o Genitore 2?

Tutte poi portano capelli lunghi (o medi) mammescamente acconciati: i tagli corti fanno troppo soldato Jane o spietata donna manager, giusto?

Pur essendo rappresentate (verso la fine) anche donne cantanti, la professione è consentita purché non ci si presenti rapate a zero alla Skunk Anansie o con la sconcia mano fra le gambe o sulle tette stile Madonna: quelle mica sono donne, sono puttane e si sa, son cose che i bambini non devono sapere (ma che all'età dell'asilo potrebbero avere già tendenze omo o trans sì, quello è bene farglielo sapere fin dalla più tenera infanzia: vorrai mica che crescano con un'idea retrograda e distorta di maschi col pisello e femmine con la patonza, vero?)

Insomma, è strana 'sta cosa: Google, cioè il totem universale che dovrebbe pre-selezionarci le notizie così da metterci al riparo dalle bruttissime fake-news; il motore di ricerca che non solo sa chi siamo, cosa ci piace cercare in rete e perfino se recentemente abbiamo avuto strani ronzii nelle orecchie, ma che è vitale nell'opera di modifica della distorta percezione della realtà, oggi canna di brutto il messaggio di auguri per la festa della donna proponendola come tale solo inquantomamma.

Non fosse che delle feste delle donne e pure delle mamme, dei papà, degli zii e dei santantoni che volete me ne importa meno di zero, avrei oggi un acuto desiderio di mandare i gooogli sinceramente a fanculo.
Me ne astengo: sono in fase mistica e mi limito pertanto a una risata "che li seppellirà". 

9 commenti:

  1. Forse ti è sfuggito che oggi, giornata di sciopero "globale" (ovviamente sponsorizzato da noi dalla Grande Cigggielle in testa) riguardava anche il settore RIPRODUTTIVO. Quindi niente nascituri, in prospettiva, o almeno attorno all'8 dicembre (che del resto è la festa dell'Immacolata Concezione). Mi consola che ieri il "doodle" fosse dedicato al varano di Komodo, il mio animale totemico, di cui sto seriamente studiando la possibilità di ambientamento e riproduzione alle nostre latitudini come animale da compagnia e da gaurdia... In terrazzo da me ci starebbe benissimo e lo accudirei con grande amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehmmm...Intendi dire che Gooogle con il Doodle di oggi voleva dirsi solidale con lo sciopero globale delle donne nel settore riproduttivo? Quand'anche fosse, non è forse, proprio per questo, doppiamento perverso? Solidale con lo sciopero della patonza ma nessuna soliarietà con tutto il resto? Eppure, volendo, vista la sfilza di immagini, avrebbe ben potuto fare una marchetta globale di portata storica.
      Pensavo invece che lo schiavo che l'ha ideato, il Dooodle, fosse un ragazzotto molto avanti teconologicamente ma ancora molto indietro emotivamente. Al punto da non saper immaginare una donna senza vedere in tutte la sua adorata mammina.
      Ma sono perfida, l'ho detto...

      Elimina
  2. Risposte
    1. Yandex è un po' come credere ancora ai fascisti e ai comunisti: non è che siccome è russo e Putin mi sta simpatico, allora Yandex non vuole sapere niente dell'uso che faccio del motore di ricerca.
      Forse sarà così, non so, ma per sicurezza (e paranoia sviluppatissima), per me la rete è tutta molesta e l'unico computer al sicuro è un computer scollegato.
      Però, vedi mai: potrebbe essere che decida di distribuire equamente le mie informazioni di navigazione fra i 2, così che nessuno abbia a lamentarsi di nulla...

      Elimina
    2. Google ?
      sergey Mihajlovic brin ( mosca 1973 21 agosto ) ?
      ... pretendere che una società privata si conformi alle proprie aspettative é crederla "comune".
      Google non ha niente in comune con te .
      Con te condivide , per un attimo , un algoritmo.
      il fatto che il motore sia usato da molti non vuol dire che qualcuno dei molti possa pensarlo come "proprio".
      se non ti piace c'é altro , un po' come con la tv e la radio...yandex é un alternativa tra tante...che poi ti spiino e scoprano che tu hai comprato un paio di calze a rete o un biglietto per roma o un pranzo da cuccillo o pescatore e pusillip...sai che cazzo ci fanno ? ah , dimenticavo , potresti credere che questo sia scorretto e che per questo tu debba stracciati le vesti...se ti fa piacere , accomodati , ma ricorda che il tempo dei paladini dei diritti delle farfalle squamose del Borneo é finito da un pezzo , ma se vuoi , tu un po' più in piccolo , puoi fare proprio come fa Google ...


      Elimina
    3. @yuki golden
      Lo dico a te per dirlo a tutti: Gooogle è decisamente fuori tema. Tema che è invece il Doodle di Google.
      So bene chi Google sia e se rileggi con attenzione quanto ho scritto forse riesci a cogliere il fatto che non mi preoccupo di cosa sa, non sa, spia o non spia.
      Come dico, do per scontato che solo un computer scollegato dalla rete sia un computer salvo dalle intrusioni interessate ai fatti miei.
      In più, sto riducendo notevolmente i miei collegamenti provando un gran ritorno di passione per Moleskine, quaderni di carta e film in dvd.
      Alla fine, mi sto convincendo che l'analogico ha un fascino che la rete non mi suscita più.
      Quindi, che m'importa di Gooogle o di Yandex?
      Quando decido di postare una cosa la scrivo e poi esco. Oppure, come ora, resto collegata mentre mi vedo un film in dvd, di cui a Google non può fregare d meno.
      Restiamo sul Doodle, se possiamo...

      Elimina
    4. io credo che Google possa fare a casa sua quello che meglio crede , come te del resto .
      se non incontra i tuoi gusti ,puoi usare un altro motore
      se il motore consigliato non ti piace ,usane un altro
      se internet non ti piace, fa altro
      se credi di aver segreti , tutelati
      credi sia opportuno scollegati ? fallo



      Elimina
  3. sei certa di non avere un rfid in casa ?

    RispondiElimina
  4. Visto che non è scattata la mezzanotte faccio gli auguri ad una donna speciale...
    La storia di Semenya e del testosterone nell’atletica femminile
    http://versusgiornale.it/27922/semenya-testosterone/

    Slobbysta

    RispondiElimina